Festa del patrono di Riccione, domani il primo dei tre giorni di festeggiamenti

La festa del Beato Alessio inizia domani con una retrospettiva sul 1.800 e la storia di don Carlo Tonini. Seguirà cena etnica e intrattenimento. Sabato e domenica divertimento per bambini, spettacoli, musica e stand gastronomici. Domenica benedizione delle auto d'epoca e varie attività.

Festa del patrono di Riccione, domani il primo dei tre giorni di festeggiamenti

La festa del Beato Alessio inizia domani con una retrospettiva sul 1.800 e la storia di don Carlo Tonini. Seguirà cena etnica e intrattenimento. Sabato e domenica divertimento per bambini, spettacoli, musica e stand gastronomici. Domenica benedizione delle auto d'epoca e varie attività.

La festa del Beato Alessio si aprirà domani alle 19 nella chiesa di San Martino con un balzo indietro nel tempo, fino ad arrivare nel 1.800. Sarà Fosco Rocchetta a raccontare la vita di don Carlo Tonini, colui che portò la fermata del treno a Riccione. Al termine dell’incontro, attorno alle 20 si terrà l’appuntamento con la cena etnica e l’intrattenimento nella tensostruttura a fianco la chiesa.

Sabato e domenica spazio al divertimento. Si partirà alle 15 con le attività ludiche, ricreative e sportive per bambini. Alle 16 lo spettacolo di ginnastica acrobatica dell’Acrobatic Team Riccione e la scuola gratuita di cucito. Non mancherà la musica e la presenza di Croce Rossa Italiana e Avis. Alle 18 la messa e a seguire apriranno gli stand gastronomici. Il Beato Alessio si fonderà con la festa ’Io tu e le rosole’, sempre in Paese, che celebra il rito del cassone con le erbe.

Domenica il bis con le iniziative che partiranno fin dalle 11,30 del mattino con la benedizione delle auto d’epoca. Nel pomeriggio, divertimento, sport e musica.