Gigli, a Rimini c’è aria di rivincita : "Adesso sarà tutta un’altra musica"

Al ’Manuzzi’ a ottobre il Rimini era un cantiere aperto. "Ora siamo una squadra solida e consapevole"

Gigli, a Rimini c’è aria di rivincita : "Adesso sarà tutta un’altra musica"
Gigli, a Rimini c’è aria di rivincita : "Adesso sarà tutta un’altra musica"

La testa ovviamente è già al derby di venerdì sera con il Cesena al ’Romeo Neri’. E’ l’appuntamento dell’anno, come sempre, ma questa volta, in più, è ’arricchito’ da quella sconfitta pesantissima dell’andata da mandare in archivio. E il miglior modo per farlo sarebbe quello, per il Rimini, di mettere i bastoni tra le ruote alla capolista vicina di casa. Il derby è il derby, ma ieri alla ripresa i biancorossi hanno anche ripensato al punto conquistato sabato scorso a Perugia. Un punto d’oro, contro un avversario forte e decisamente in palla. "Un risultato positivo – lo dice subito Nicolò Gigli che, insieme ai compagni, si è preoccupato di tenere ben alto il muro difensivo – soprattutto in virtù dell’avversario che abbiamo affrontato. Abbiamo fatto una partita di sacrificio, da squadra matura, e ci portiamo a casa secondo me un punto d’oro. Avremmo potuto fare qualcosa in più sotto l’aspetto del possesso palla, e ci lavoreremo". Il Cesena che si presenterà al ’Neri’ troverà una squadra molto diversa da quella dell’andata. Una squadra che ha cambiato faccia e che mister Troise vuole in continua evoluzione. Basti pensare a quel pacchetto difensivo che, al netto delle difficoltà d’organico (alcune colmate nel mercato invernale), il tecnico campano vuole solido, ma anche ibrido. Difensori che fanno i difensori, ma all’occorrenza anche centrocampisti. E’ il caso di Lepri che spesso si abbassa e si alza tra difesa e centrocampo a seconda delle diverse fasi di gioco. Compito che a Perugia Lepri ha condiviso anche con Gigli. "È stata una cosa provata in settimana e che stiamo provando da diverso tempo. Penso ci stia riuscendo discretamente, anche se a volte alcune situazioni vanno migliorate". E il derby? "Non è una partita come le altre, ovvio. Per i tifosi, per la città e naturalmente per la classifica. Non vediamo l’ora. Ci stiamo preparando al meglio e spero ci sia il sold out. Ci arriviamo con molte certezze in più rispetto all’andata. Eravamo un cantiere aperto, adesso è tutta un’altra musica".