Il ritorno sulle scene 4 anni dopo il lockdown

Per la compagnia ‘Mej ch’ne gnint‘ il sipario si rialza con uno spettacolo che fa tornare indietro con la memoria proprio ai giorni della pandemia.

Il ritorno sulle scene 4 anni dopo il lockdown
Il ritorno sulle scene 4 anni dopo il lockdown

Si alza il sipario per la compagnia dialettale ‘Mej ch’ne gnint‘ e il ritorno sulle scene è ancora una volta a sostegno dell’associazione La prima coccola, una realtà che questi artisti supportano ormai da molti anni. La compagnia debutta con il nuovo spettacolo Per non dimenticare. Dop e sol e vin la luna, tre atti brillanti di Giuseppe Ciavatta, in programma sabato, alle 21, al teatro Edimar a Viserba (via Mascagni,7). Il testo fa tornare indietro con la memoria ai giorni di lockdown. La pandemia aveva fermato tutto e tutti, compresa la compagnia dialettale di Bellariva, fondata nel 1996 e che vanta una quindicina di interpreti: infatti l’ultimo spettacolo era stato proprio a febbraio 2020 e anche in quella occasione il ricavato era stato devoluto a La prima coccola. E, adesso, dopo un lungo periodo lontani dalle scene, gli attori e le attrici sono pronti a salire sul palco e a raccontare e rievocare tra commedia, ironia e riflessione un pezzo di vita che appartiene a quei momenti difficili e imprevedibili.

"Riprendiamo da dove abbiamo dovuto interrompere – spiega Roberto Montani, uno degli attori – siamo emozionati ed entusiasti. In questi anni abbiamo presentato vari spettacoli di successo e questa volta parliamo della reazione dei romagnoli di fronte alla pandemia e come se la sono saputa cavare. Si ride e si pensa e c’è un messaggio finale, "come spesso accade nei nostri lavori – continua Montani – Diciamo che non è una semplice commedia dialettale, esce un po’ fuori dagli schemi, non è una trama classica dove ad esempio qualcuno si deve sposare o altre situazioni solo comiche. A distanza di tre anni torniamo e torna a recitare anche il nostro regista, Giuseppe Ciavatta, nel ruolo del protagonista. C’è già una bella risposta da parte del pubblico, siamo molto contenti di ritrovarci tutti insieme, sul palco e in sala".

L’incasso della serata sarà devoluto a La prima coccola, l’associazione a sostegno dei bambini e delle famiglie ricoverati nel reparto di terapia intensiva neonatale di Rimini. Il costo del biglietto è di 10 euro; per informazioni e prenotazioni: 347.5632162.

Lina Colasanto