Play hall prenotato per tutto l’inverno

Riccione, gli eventi sportivi trainano il turismo fuori stagione e l’assessore Imola indica la via: "Gli alberghi abbiano fiducia e restino aperti" .

Play hall prenotato per tutto l’inverno
Play hall prenotato per tutto l’inverno

Tutto sullo sport. Se fossimo al casinò l’assessore Simone Imola giocherebbe il gruzzolo sul colore dello sport. Ma non solo nel periodo di primavera o in autunno per allungare la stagione. "Le manifestazioni sportive sono importanti anche nel resto dell’anno. Posso dire già oggi che nei mesi di gennaio e febbraio avremo il Play hall occupato in tutti i fine settimana e in parte delle giornate rimanenti. È un dato significativo in quel periodo dell’anno. Avremo eventi nazionali ed anche internazionali". Il settore delle manifestazioni sportive piace in municipio perché di norma costa poche risorse e assicura un ritorno importante in termini di presenze. Ma l’indotto generato va oltre la stanza d’hotel, toccando da vicino le attività economiche in periodi dell’anno in cui, altrimenti, si rischierebbe di tenere chiuso in attesa della bella stagione. Dati che emergono in uno studio che ha preso in considerazione un evento sportivo: i Criteria nazionali giovanili di nuoto di quest’anno. Lo studio è stato eseguito da un team di ricercatori guidati dalla professoressa Laura Vici, docente dell’Università di Bologna per il dipartimento di Scienze statistiche e membro del Cast, centro di studi avanzati sul turismo di Unibo che coinvolge il campus di Rimini. Emerge che la spesa media pro capite è di 438 euro per gli accompagnatori-turisti, e la metà dei nuoti turisti vuole tornare a Riccione il prima possibile. "In febbraio avremo la Coppa Italia di Handball – prosegue l’assessore –. Gli eventi sportivi non mancheranno e rappresentano un’occasione affinché parte del comparto alberghiero possa tenere aperto in mesi insoliti. Avremo più alberghi aperti".

Sono tre le direttrici su cui si sta muovendo l’amministrazione comunale. "Siamo appena tornati e proseguiremo lavorando assieme ai club di prodotto, agli enti di promozione sportiva e ai tour operator. Non intendiamo puntare sulla primavera o sull’autunno, ma sull’intero anno. Ad oggi gli impianti principali utilizzati per le manifestazioni sportive sono il Play hall e lo stadio del nuoto. Per la piscina andremo a potenziare l’attività consentendo più eventi. Ma intendiamo anche sfruttare gli altri impianti che abbiamo e mi riferisco alle palestre, ad esempio. Puntare sulla ginnastica e sul basket portando a Riccione iniziative che fino a ieri si svolgevano altrove. Stiamo lavorando anche per confermare le manifestazioni che già si svolgono a Riccione. La città piace, come ci dice lo studio cui Criteria. I turisti vogliono venire qui ed anche gli organizzatori degli eventi perché siamo baricentrici nel Paese, e raggiungibili". I numeri e lo studio condotto dal team universitario danno indicazioni importanti "che convalidano e rafforzano il nostro lavoro sul territorio a sostegno dell’economia locale, aiutandola nella destagionalizzazione del turismo – spiega il presidente della Polisportiva Michele Nitti –. I grandi eventi natatori si uniscono ai tanti appuntamenti sportivi delle altre discipline che Polisportiva rappresenta e sostiene".

Andrea Oliva