Sagra Malatestiana: "Tutto esaurito a ogni concerto"

La 74esima edizione della Sagra Musicale Malatestiana ha registrato una "netta ripresa" dell'affluenza del pubblico, con tutti i grandi concerti sinfonici sold out. Artisti di fama internazionale e orchestre di alto livello hanno suscitato un entusiasmo contagioso. Progetti speciali come la produzione di Perseo e Andromeda di Sciarrino.

Sagra Malatestiana: "Tutto esaurito a ogni concerto"
Sagra Malatestiana: "Tutto esaurito a ogni concerto"

Un bilancio senza numeri quello che il Comune traccia della 74esima edizione della Sagra Musicale Malatestiana. In una nota Palazzo Garampi parla di "netta ripresa ai livelli pre lockdown nell’affluenza del pubblico ai vari appuntamenti.

I grandi concerti sinfonici, che da sempre rappresentano la spina dorsale della Sagra, si sono tutti conclusi all’insegna del sold out". Per il Comune il tutto esaurito era immaginabile "se si pensa alle grandi orchestre, ai direttori e ai solisti che si sono esibiti". Artisti del calibro di Antonio Pappano (foto), Riccardo Chailly, Vasily Petrenko, Kristjan Jarvi, Marta Argerich, Midori, Julia Fisher, Beatrice Rana, Mario Brunello, Giovanni Sollima e Gavin Bryars. Orchestre come quella della Royal Philarmonic, della Scala, della Chamber of Europe, la Baltic. "Un firmamento di stelle – osserva il Comune in una nota – che ancora una volta hanno suscitato un entusiasmo contagioso in un pubblico variegato, non solo di appassionati, comprendente diverse fasce di età e di provenienza". L’amministrazione rivendica la "scelta di non assegnare posti in abbonamento, che ha dato risultati molto interessanti, con l’afflusso di un pubblico nuovo". Un entusiasmo che replica "i fasti delle origini della Sagra al Duomo". Tra i progetti speciali menzione per "la produzione annuale della Sagra. Nel 2023 è stata la volta di Perseo e Andromeda di Salvatore Sciarrino, che nel 2025 approderà in Germania, richiesta da Schwetzinger Festspiele".