Torneo di volley in Polonia per ricordare l’Olocausto

Dinamo e Idea a fine mese parteciperanno a una gara internazionale, poi la visita al campo di Auschwitz.

Torneo di volley in Polonia per ricordare l’Olocausto
Torneo di volley in Polonia per ricordare l’Olocausto

Volley in Polonia per non dimenticare. Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa sovietica liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. Quel giorno è stato scelto come simbolo della Giornata della Memoria. Dal 29 febbraio al 3 marzo si svolgerà a Cracovia un torneo giovanile che si propone di aiutare i ragazzi, attraverso la pallavolo, a non dimenticare e a far tesoro delle atrocità commesse dall’umanità. Un progetto proposto da una rete di oltre venti Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche Internazionali di pallavolo denominata Experience, sostenuta dall’Associazione di Cooperazione Internazionale Modena per gli altri. Hanno aderito anche Dinamo Pallavolo e Idea Volley Bellaria, società locali. Che voleranno in Polonia. "Una trentina di atleti, ragazzi e ragazze – spiega Gilberto ’Gibo’ Sampaoli, dirigente della Dinamo –, 36 persone compreso lo staff. Il torneo inizierà il 29 febbraio e terminerà il 4 marzo, nel segno del ricordo e della solidarietà, contro l’indifferenza". L’idea dalla necessità di ragionare su una vera risposta sociale e civile alle guerre e ai conflitti attraverso l’educazione alla cittadinanza attiva e la costruzione di un comune sentire di cittadinanza europea. Torneo di pallavolo, ma anzitutto percorso educativo-culturale per attivare conoscenze e memoria attraverso visite guidate del Ghetto ebraico, del Museo della Fabbrica di Schindler e dei Campi di Auschwitz e Birkenau. Prima della partenza, i ragazzi verranno preparati attraverso incontri di sensibilizzazione sul tema dell’Olocausto, al rientro saranno organizzati incontri di restituzione dell’esperienza non solo all’interno delle rispettive Società Sportive, ma anche nelle scuole di appartenenza.