Bezzecchi al top, Casadei e Bulega campioni. Rimini capitale dell’impero della velocità

Bastianini cercherà il riscatto nel 2024 in sella alla Ducati. In evidenza Ferrari nella MotoE: anche lui sarà premiato lunedì al Galli

Rimini capitale dell’impero. L’impero della velocità delle due ruote: due dei sette campioni mondiali della massima espressione del motociclismo, tra MotoMondiale e SuperBike, sono riminesi per nascita o per adozione. È il caso di Nicolò Bulega, che a buona ragione si può considerare ormai autoctono (risiede a San Clemente), dominatore della stagione in SuperSport Next Gen, e di Mattia Casadei, che a Rimini invece è anche nato nel luglio del ’99 e ha vinto, con un grande finale, il primo vero e proprio campionato del mondo delle moto elettriche. Ma naturalmente non finisce qui: i due romagnoli che vivono stabilmente la top class, la MotoGp, sono riminesi: Enea Bastianini ha vissuto una stagione difficilissima – non per colpe proprie – pur riuscendo a vincere anche una gara nel finale di stagione e aiutando il compagno in Ducati ufficiale, Pecco Bagnaia, a vincere il titolo.

Poi, ovviamente, Marco Bezzecchi che invece si è piazzato al terzo posto in MotoGp con un’annata da incorniciare: 4 vittorie, di cui una sprint race, 3 pole position e 9 podi da aggiungere a queste mirabolanti prestazioni per un pilota confermato anche per il 2024 a furor di popolo sulla Ducati del team di Valentino Rossi, il VR46. Bezzecchi considera quella sul circuito indiano di Buddh una delle sue gare migliori di sempre: "Sono partito bene, mi sono sentito tutt’uno con la moto. A un giro dalla fine ho iniziato a sentire il dolce sapore della vittoria. Un sapore esploso dentro dopo la bandiera a scacchi. Una vittoria davvero bella e speciale".

Terzo nel suo mondiale elettrico Matteo Ferrari, pure lui riminese classe ’97, primo vincitore della Coppa del mondo elettrica e sempre protagonista durante la stagione. Saranno proprio Bezzecchi, Casadei e Ferrari ad essere premiati lunedì, alle 18 al Teatro Galli, in un’iniziativa organizzata dal Comune e dal Nuovo Motoclub Renzo Pasolini. "Rimini festeggia i suoi campioni – commenta il sindaco Jamil Sadegholvaad – e i loro team per i risultati straordinari che hanno raggiunto e che danno concretezza all’immagine di terra dei motori che ci viene riconosciuta a livello internazionale".

Tra l’altro Casadei si è laureato campione del Mondo proprio a Misano, il 9 settembre. Dopo una prima parte di stagione più favorevole a Matteo Ferrari, 3 volte vittorioso nei primi quattro fine settimana di gare, nelle ultime 4 il dominatore assoluto è stato Casadei che ha vinto 5 delle ultime 8 prove. Insomma un trionfo made in Rimini: "È stato davvero bello vincere il titolo mondiale a Misano – ha detto a suo tempo lo stesso Mattia Casadei – davanti a tutta la mia famiglia e ai miei amici: c’è stata la possibilità di festeggiare con tutti quanti sabato sera, assieme anche al mio team".

Casadei e Ferrari resteranno quasi certamente in MotoE, come Bastianini è stato confermato ufficialmente sulla Ducati ufficiale anche per il 2024 in MotoGp. Se c’è stata gloria tra i prototipi, non è mancata sicuramente nel paddock delle derivate di serie. Come detto, Nicolò Bulega ha conquistato il titolo di campione del Mondo in SuperSport Next Gen sulla Ducati V2 ufficiale, conquistandosì così il diritto a guidare sempre una Rossa ufficiale in SuperBike, soffiando il posto al santarcangiolese Michael Ruben Rinaldi che comunque resterà tra i big, sempre in sella ad una Ducati privata di Motocorsa Racing. In SuperSport, Bulega è stato dominatore con 10 pole in 12 weekend di gara, 16 vittorie, cui si aggiungono 5 podi per un totale di 21 gare (su 24) da assoluto protagonista. "Penso alle tante difficoltà che ho incontrato a livello sportivo negli ultimi tempi e sentirmi una sorta di leader del progetto SuperSport di Ducati mi ha fatto tirare fuori qualcosa in più" le parole di Bulega.

Il suo maggior rivale è stato un riminese, Stefano Manzi (resterà sulla Yamaha del team olandese Ten Kate), che ha conteso più a lungo possibile il successo a Bulega, collezionando 4 vittorie e 14 podi, per un successo senza precedenti della provincia riminese, capace di vincere la bellezza di 20 gare su 24. Chiusura in bellezza per il giovanissimo cattolichino Lorenzo Pritelli, vicecampione del Mondo alle World Serie di MiniGp 190.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su