Chi era Nicola Sartori, il pilota adriese morto al Mugello: “Un uomo esemplare amato da tutti”

Molti i ricordi commossi per il 52enne, diviso tra le passioni per le moto ed arti marziali. Originario di Cavarzere (Venezia), viveva ad Adria nel Polesine con moglie e figlia. Maestro di karate a Padova, era un riferimento per le arti marziali in Veneto

Nicola Sartori e il circuito dell'autodromo del Mugelo durante la gara
Nicola Sartori e il circuito dell'autodromo del Mugelo durante la gara

Adria (Rovigo), 28 agosto 2023 – Una tragedia quella accaduta all’autodromo del Mugello, che ha sconvolto più comunità: quella adriese, dove abita attualmente, ma anche a Cavarzere nel Veneziano e nel Comune di Padova, dove praticava le sue passioni per le arti marziali e motociclismo. Nicola Sartori è rimasto coinvolto domenica 27 agosto, insieme ad altri due piloti amatoriali, in un incidente mortale mentre partecipava alla 'Promo racing cup 2023' nella categoria ‘1000 Avanzata’, serie di gare amatoriali e valide per il Trofeo Italiano Amatori.

Chi era Nicola Sartori

Nato a Cavarzere il 16 febbraio 1971, Comune a cui era molto legato, poi per anni ha abitato a Padova ed ora residente ad Adria (Rovigo). Il 52enne lascia la moglie e una figlia. Una persona molto impegnata in più attività. Un grande appassionato di motociclismo, ma era anche un campione di arti marziali. È stato un bravo maestro di karate a Padova, città dove ha insegnato a tanti giovani amanti delle arti marziali, divenendo anche un riferimento sportivo nelle arti marziali per il Veneto. Sempre a Padova, quest’anno Sartori aveva aperto una palestra. Si era avvicinato al karate e alla kick boxing ancora ragazzino, nella sua Cavarzere (Venezia), dove ha partecipato all'attività dello New Sportin Club.

La commozione della Bushido Academy

L’associazione di riferimento delle arti marziali, con sede a Sesto San Giovanni (Milano) ha voluto ricordare Nicola Sartori: “È con grande dolore e il cuore in lacrime, che dobbiamo dare la triste notizia della scomparsa del maestro Nicola Sartori. Tanta strada abbiamo percorso insieme su questo pazzo sentiero delle arti marziali fino a diventare a essere legati da più di un’amicizia. Sicuro di poter proseguire sul nostro sentiero quando ci ritroveremo. La Bushido Academy tutta si stringe forte alla famiglia e al loro dolore”.

Il ricordo del suo team

Nicola Sartori faceva parte della squadra piloti del Team Xgear di Roma, squadra dove gareggiava a livello nazionale per le gare di Coppa Italia e il campionato italiano di Velocità, aveva conquistato anche alcuni podi di categoria. Il ricordo commosso del Team Xgear: “Il nostro Nicola Sartori, è stato un uomo e pilota esemplare, un atleta completo nella mente e nel corpo. Padre e marito amorevole, ha sempre coinvolto i propri affetti nella sua passione per le moto che abbiamo avuto il piacere vivere insieme in questi tre anni. Con la sua forte personalità e carisma ha lottato fino all'ultimo alla conquista del primo posto. Lascia un vuoto incolmabile nei cuori di tutto il Team Xgear. La squadra al completo si stringe a Martina, Elena e ai suoi cari in questo enorme dolore. Ciao Nicola, grazie per questi tre anni insieme. Lasci un enorme vuoto nella nostra squadra”. Un impegno per le moto che vedeva Sartori impegnato anche nella B2Fast, dove era legale rappresentante, una società con sede a Padova, la finalità della stessa era garantire assistenza ai piloti, sia quelli amatoriali e professionisti, garantendo le attrezzature necessarie al trasporto delle moto e alla sistemazione nel paddock.

Alessandrini: “Nel paddock era amato da tutti”

Daniele Alessandrini organizzatore del Trofeo Italiano Amatori, e l’intero staff del Moto Club Motolampeggio, si uniscono al dolore della famiglia del pilota Nicola Sartori, scomparso domenica mattina del 27 agosto all’autodromo del Mugello, in seguito a un drammatico incidente verificatosi durante la gara della classe 1000 Avanzata. “Nicola era un pilota esperto - ha dichiarato commosso Alessandrini - correva con noi da oltre dieci anni ed era un atleta preparatissimo in quanto anche istruttore di arti marziali. Persona umile e generosa, sempre pronta ad aiutare gli altri, nel paddock era amato da tutti quelli che lo conoscevano”. L’organizzatore si sofferma anche sul tragico incidente è avvenuto in pista al Mugello: “Si è trattato di un contatto tra più piloti, verificatosi sul rettilineo di partenza, al termine del settimo giro. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per lo sfortunato Nicola Sartori non c’è stato nulla da fare. Nell’incidente sono rimasti coinvolti altri due piloti che hanno riportato alcune fratture: trasportati al policlinico di Careggi, non sono in pericolo di vita”.