Andreea ultime notizie: "Ecco cosa c’era nel casolare del mistero"

Parla il videoamatore del reportage dopo la scomparsa della ragazza: "Escludo che sul soppalco ci fosse un corpo impiccato"

Castelplanio, 6 febbraio 2024 – “Non mi risulta che quel soppalco sia crollato, in ogni caso se ci fosse stato un corpo non avrebbe potuto essere appeso o impiccato. Parliamo di spazi molto piccoli. Come abbiamo scherzato su con la mia collaboratrice, sembrava la casa dei puffi". A parlare è il videoamatore del Maceratese (Filippo, nome di fantasia) che il 1° aprile 2022, esattamente 20 giorni dopo la scomparsa di Andreea è entrato proprio dentro il casolare di via Monte Adamo dove il 20 gennaio sono stati ritrovati i resti di una donna. È entrato per girare un video di 4 minuti e 34 secondi pensando di riprendere il luogo del festino dell’11 marzo di quell’anno a cui aveva preso parte Andreea Rabciuc, poi finito in rete come il casolare degli orrori.

Fuori dal casolare dove sono stati trovati i resti di Andreea Rabciuc
Fuori dal casolare dove sono stati trovati i resti di Andreea Rabciuc

Filippo, ricostruiamo quel primo aprile. 

"Erano le 17,30 quando siamo entrati da una finestra sul retro molto bassa aperta all’80%. Poco prima con la mia collaboratrice ci siamo fermati alla stazione di servizio che è sotto il casolare. Abbiamo chiesto informazioni di un casolare dove si sarebbe svolto un rave perché in quei giorni si parlava di questo. Ci hanno detto che l’unico nelle vicinanze era quello dove poi siamo entrati. Fuori abbiamo visto una bottiglia di birra e allora abbiamo pensato potesse essere quello il casolare. Passati da dietro abbiamo visto la finestra in parte aperta e chiedendo permesso, per paura che magari dentro ci fosse qualcuno, siamo entrati. C’era ancora luce e ho utilizzato anche la torcia del cellulare. Una volta entrato sono andato a sinistra e in fondo c’era un’altra stanza che dava accesso alla legnaia. Ho perlustrato coi piedi, era pieno di ragnatele. Ho poggiato il braccio destro sulla parete e ho visto i 5 piccoli gradini (dove è stato trovato il teschio, ndr) che terminano proprio sulla finestrella che si vede davanti accanto al portone verde".

È stato sul soppalco dove ci sarebbe stato il corpo della ragazza, magari appeso?

"No, ma quelle 5 scalette molto basse portano al soppalco anch’esso molto basso, massimo un metro e mezzo e fatiscente. Trovo improbabile che qualcuno sia andato lassù e comunque non credo ci fosse lo spazio per suicidarsi così. Non abbiamo avvertito odori. Eppure non c’erano neppure finestre o porte aperte in quella parte di casa".

Il video è diventato virale...

"Sì, ‘Il portavoce’ coi suoi video brevi ha suscitato più visualizzazioni di Fanpage. Grande interesse anche di testate nazionali e ora stiamo lavorando ad una start up, un portale in cui giornalisti potranno condividere contenuti".