Biancorossi a caccia di 8 punti per la matematica salvezza

Mister Colavitto studia le mosse da mettere in campo: la sfida di domani è decisiva.

Biancorossi a caccia di 8 punti per la matematica salvezza

Mister Colavitto sta preparando la gara nel silenzio della campagna di Passo Varano lontano da sguardi indiscreti.

L’Ancona si nasconde per preparare al meglio, nel silenzio della campagna di Passo Varano e lontana da sguardi indiscreti, l’appuntamento di domani pomeriggio al Tubaldi. Quella contro la Recanatese sarà la prima di sei partite in cui l’Ancona deve conquistare 8 punti per avere la matematica certezza della permanenza nella categoria, evitando i playout. Un passaggio decisivo.

Nessuno fa tabelle di marcia, è un finale di campionato che l’Ancona affronterà partita dopo partita, come è giusto che sia, puntando a ottenere sempre il massimo da ogni incontro. A cominciare da quello di domani contro la Recanatese. Vincere domani sarebbe un passo fondamentale, anche se non determinante, verso la salvezza diretta. Vorrebbe dire mettersi la Recanatese a sette lunghezze e, magari, tirarsi almeno temporaneamente fuori dalla zona più calda della classifica. Poi ci sarà il match al Del Conero con la Spal, appuntamento prepasquale di festa per le due tifoserie gemellate, ma che in campo esprimerà battaglia vera.

Poi comincerà il mese di aprile, tutte gare di domenica, la prima a Pontedera, poi in casa con il Sestri, quindi l’ultima trasferta a Pescara e, infine, l’ultima anche in casa, contro la Lucchese. Solo le partite contro avversarie che non abbiano più nulla da chiedere alla classifica, come potrebbero, forse, essere le ultime due, potrebbero favorire la squadra che ha più motivazioni, che potrebbe essere l’Ancona se ancora non avesse raggiunto la quota salvezza.

Ma sono ipotesi, l’Ancona dovrà conquistarsi la salvezza con il cuore e con la testa il prima possibile. In quest’ottica è indispensabile vincere a Recanati, domani, come farlo tra poco più di una settimana al Del Conero contro la Spal.

Sono le prime due di sei tappe obbligate per centrare l’obiettivo stagionale, che in altri momenti si poteva considerare come obiettivo minimo ma che adesso è l’unico traguardo alla portata dell’Ancona. Per centrare il successo, domani al Tubaldi, servirà la migliore Ancona, sotto il profilo degli uomini da schierare in campo, certamente, ma anche sotto quello dell’atteggiamento, della cattiveria agonistica, dell’impegno, dell’intensità e dell’attenzione da mantenere per tutta la gara.

Anche perché, dall’altra parte, per la Recanatese la partita di domani suona davvero come l’ultimo treno utile per poter ancora sperare di evitare il terzultimo posto. In favore dei dorici ci sarà il tifo biancorosso che raggiungerà numeroso Recanati per sostenere la squadra anche in questa circostanza. Dentro allo stadio, con cinquecento biglietti andati a ruba in prevendita, ma forse anche fuori, con numerosi anconetani che, pur privi di biglietto, si stanno dando appuntamento al Tubaldi per incitare la squadra anche dalla strada. Un appuntamento troppo importante per non esserci.

Giuseppe Poli