"Commercianti della Cuna, nessuno sgombero fino ad aprile"

Il primo cittadino di Genga rassicura le attività in attesa dell’udienza di merito al Tar, il 10 aprile.

"Commercianti della Cuna, nessuno sgombero fino ad aprile"
"Commercianti della Cuna, nessuno sgombero fino ad aprile"

"Abbiamo studiato una nuova location per i commercianti della Cuna vista la necessità di sgombero per il cantiere della Orte Falconara e cioè la zona del lago Fossi ma vista l’ordinanza del Tar per il momento restano nella loro sede originaria". A spiegarlo il sindaco di Genga Marco Filipponi (foto) dopo la concessione da pate del Tar della sospensiva al provvedimento di ‘sgombero’ dell’area. "I commercianti rimarranno alla Cuna, vista l’ordinanza del Tar. Almeno fino al 10 aprile e salvo il cantiere delle ferrovie per il raddoppio della Orte Falconara, Rfi per ora non ci ha comunicato i tempi".

Ci vorranno ancora mesi vista la mancanza del progetto esecutivo, probabilmente i lavori non potranno partire prima di marzo-aprile quando è prevista l’udienza di merito al Tar. I commercianti che avrebbero dovuto liberare La Cuna entro la fine dell’anno che si è appena chiuso per fare spazio al cantiere. Nove i commercianti dell’area dove si trovano le bancarelle di Genga e anche la biglietteria delle Grotte di Frasassi i quali hanno proposto ricorso contro il Comune di Genga, tramite l’avvocato Claudio Baleani. Si chiedeva di annullare la delibera del Comune di Genga che intimava i commercianti di liberare l’area entro fine 2023. Il Tar Marche ha accolto l’istanza cautelare dei commercianti e ha stoppato la delibera fissando ad aprile prossimo l’udienza di merito. Quindi fino alla primavera i commercianti potranno restare nella sede storica della Cuna.

sa. fe.