Fabriano, dopo una notte brava bevono a 'sbafo' con la prepagata rubata: nei guai in due

I poliziotti, grazie alle immagini della videosoveglianza del bar, hanno identifcato due giovani già noti alle forze dell'ordine. Hanno fatto colazione con liquori e stecche di sigarette

In azione la polizia

In azione la polizia

Fabriano (Ancona), 22 marzo 2024 – Dopo una notte brava fanno colazione con la parta prepagata rubata bevendo e fumando a sbafo: i poliziotti li trovano e li denunciano. Tutto è iniziato lo scorso fine settimana, quando un trentenne fabrianese ha deciso di passare una serata in un locale cittadino con i suoi amici. Rientrato a casa a tardissima notte, si è accorto di non avere più il proprio portafogli. Pensando di averlo perso, ha ripercorso a ritroso, purtroppo invano, tutta la strada percorsa, dal locale sino alla propria abitazione. Anche il locale, nel frattempo, aveva chiuso e non restava altro, al giovane, di rientrare a casa ed attendere l’indomani. Al suo risveglio, però, si è accorto che su una app del suo smartphone erano giunte alcune notifiche di addebiti effettuati qualche ora prima in un bar cittadino, aperto sin dalle primissime ore della giornata. Gli addebiti erano in tutto cinque, tutti di importi inferiori ai 50 euro, pari al limite di spesa fissato dal fabrianese oltre il quale sarebbe stato necessario il pin. La carta prepagata in questione era contenuta all’interno del portafogli scomparso del quale aveva, a questo punto, certezza della sua illecita appropriazione da parte di terzi. Si è rivolto quindi al commissariato della polizia di Stato cittadino che ha raccolto la denuncia e avviato l’attività di indagine. L’impianto di videoregistrazione interna del bar restituiva le immagini di due ragazzi che si alternavano nell’acquisto di stecche di sigarette e bottiglie di liquori utilizzando, per il pagamento, la carta prepagata del giovane fabrianese. I due giovani desistevano, alla fine, sia perché l’importo residuo della carta era di pochi euro sia per l’atteggiamento del proprietario del bar che si trovava alla cassa, divenuto sospettoso delle modalità singolari di acquisto e pagamento dei prodotti. L’ottima conoscenza del territorio dei poliziotti del settore anticrimine ha consentito il riconoscimento dei due giovani come due frequentatori dei locali fabrianesi il fine settimana, residenti in un Comune confinante, con trascorsi giudiziari proprio per reati contro il patrimonio. I due, un 22enne italiano ed un 25enne di origine extracomunitaria, sono stati denunciati per ricettazione e indebito utilizzo di carta di credito. Nelle prossime ore sono attese le decisioni del questore di Ancona Cesare Capocasa in ordine all’applicazione di misure di prevenzione ai due denunciati.