"Garantiti i voli, ora potenziare anche i treni"

Il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Bignami: "Per la continuità territoriale si procederà con un nuovo bando dopo quello d’emergenza"

"Garantiti i voli, ora potenziare anche i treni"

Il viceministro Bignami e il governatore Acquaroli

Se tutti confidano che sia una Pasqua di rinascita per i voli su Roma, Milano e Napoli dall’Ancona International Airport, nelle Marche si inizia anche a ragionare sul futuro della continuità territoriale. Stando alla soluzione di SkyAlps, che ha aderito alla procedura d’emergenza dell’Enac per 45 giorni, e ovvero dal primo aprile al 15 maggio, resta da chiarire cosa ne sarà dopo. A domanda, il viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Galeazzo Bignami, ieri a Jesi per il sopralluogo al polo Amazon, ha risposto così: "Questo è un bando d’emergenza a chiudere un segmento che è stato determinato da un’uscita non concordata con il precedente soggetto (Aeroitalia, ndr), che invece doveva concludere il bando. Poi, dopo, i bandi ad evidenza pubblica, per non portare ad alterazioni dei giochi di mercato, devono seguire le regole della concorrenza".

Un indizio, che funge quasi da conferma. Perché se tutti, in regione, auspicano che l’operazione con il vettore altoatesino vada meglio rispetto ai sei mesi vissuti con Aeroitalia, come previsto inizialmente la procedura con SkyAlps potrà essere prolungata fino a sette mesi (indicativamente ottobre), prima del nuovo bando – definitivo – dell’Ente nazionale dell’aviazione civile. Sulla continuità territoriale, Bignami ha fatto il punto, sostenendo che sia necessario valorizzare "alcune rotte da Ancona come quelle per Milano Linate e Roma Fiumicino – ha detto –. Ci sono state delle situazioni che sono state risolte, grazie alla Regione, perché purtroppo il privato aveva assunto una postura che non era consona rispetto a quello che il bando prevedeva", ripercorrendo il recesso dal bando di Aeroitalia.

"Credo ci sia stata un’attenzione particolare da parte dell’Enac – ha aggiunto il viceministro –, nell’interlocuzione con la Regione per ottenere una continuità territoriale che, va detto, tuttavia supplice a una carenza infrastrutturale".

E nel dettaglio: "Immaginare che la via privilegiata per collegare Ancona a Milano sia l’aereo, in assenza di un’infrastrutturazione ferroviaria, un tema che è ormai necessario affrontare, è qualcosa che non giova al territorio. E stiamo lavorando per quello", ha garantito Bignami. Nel frattempo Aeroitalia, dopo alcuni giorni in cui in cui i voli avevano funzionato con maggiore regolarità e con riempimenti migliori, proprio ieri ha cancellato un volo per Milano (al mattino) e uno per Roma (la sera). La speranza dei marchigiani è che nell’uovo pasquale ci sia una vera continuità territoriale con l’avvento di SkyAlps. Gli "Ambasciatori delle Alpi" opereranno un volo al giorno sulla Capitale, due per la città meneghina dal lunedì al venerdì (uno nel weekend) e due collegamenti (lunedì e venerdì) verso quella del Vesuvio.

Giacomo Giampieri