Il colosso delle torri wireless : "Nelle Marche piano da 12 milioni"

Oscar Cicchetti, presidente di Inwit: entro il 2026 realizzeremo 85 nuove infrastrutture

Il colosso delle torri wireless : "Nelle Marche piano da 12 milioni"

Oscar Cicchetti, presidente di Inwit, il principale tower operator italiano di infrastrutture per le telecomunicazioni wireless in Italia

Oscar Cicchetti, presidente di Inwit – principale tower operator italiano di infrastrutture per le telecomunicazioni wireless in Italia –, lunedì il vostro ’Tour For 5G’ farà tappa ad Ancona (ore 11.30, sala del consiglio). Innanzitutto, di che cosa si occupa Inwit e qual è il ruolo delle infrastrutture nelle telecomunicazioni elettroniche?

"Le reti di telecomunicazioni hanno una componente infrastrutturale passiva (torri, fibra, data centres) e una componente attiva costituita da tutti gli apparati elettronici. Le infrastrutture tendono a essere sempre più condivise tra più operatori e gestite da aziende specializzate. Inwit è il principale operatore di infrastrutture passive di telecomunicazioni mobili in Italia, oltre 24mila torri e circa 450 sistemi di copertura indoor attivi alla fine del 2023, che permettono una copertura capillare, integrata del territorio".

Quanto contano e che ruolo hanno le infrastrutture digitali per il territorio?

"Le torri sono infrastrutture pronte a ospitare gli apparati di tutti gli operatori di servizi mobili e sono capillarmente distribuite sul territorio. Questo ci permette di offrire più servizi nella logica di ‘tower as a service’: una torre alleata dei territori che porta anche efficienza nella catena del valore. Si tratta di asset connessi, distribuiti e protetti in grado di fornire molti servizi avanzati nell’ambito dell’ecosistema 5G. Penso alle attività di monitoraggio ambientale e del territorio che stiamo effettuando grazie all’installazione sulle torri di sensori IoT, gateway e telecamere smart. Cito, come esempi, la nostra collaborazione col Wwf per la rilevazione di incendi in tre oasi boschive o il nostro accordo con Legambiente per il monitoraggio dei principali parametri atmosferici nel parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, in quello della Maiella e in due riserve naturali in Appennino centrale".

Qual è il piano di investimenti di Inwit nelle Marche in termini di infrastrutture?

"Inwit contribuirà allo sviluppo sostenibile delle Marche investendo circa 12 milioni entro il 2026, per realizzare circa 85 nuove infrastrutture al servizio degli operatori e della comunità. Ma investiamo anche tempo nell’ascolto del territorio e nel confronto con le istituzioni: proprio per questo saremo ad Ancona, lunedì mattina in Consiglio comunale, col nostro Tour For 5G, dopo avere toccato altre otto città". Qual è l’impatto del Piano Italia 5G del Pnrr?

"Oltre quaranta delle infrastrutture che realizzeremo nelle Marche rientrano nel bando ‘densificazione 5G’ del Pnrr, che ci siamo aggiudicati con Tim e Vodafone, e che prevede di coprire ben 1.385 aree a fallimento di mercato in Italia. Con questo intervento favoriremo lo sviluppo della tecnologia 5G anche nelle aree più svantaggiate delle Marche, ora in digital divide, consentendo maggiore inclusione, anche sociale. È fondamentale che le semplificazioni nella realizzazione delle infrastrutture adottate sul piano nazionale siano recepite anche a livello locale". Avete in previsione investimenti nel cratere del sisma del 2016?

"Negli anni scorsi abbiamo realizzato una decina di nuovi siti nei Comuni interessati dal sisma. Entro il 2026 prevediamo di aggiungerne altrettanti".