Il Festival "Stupor Mundi". Arriva anche Branduardi

Prende corpo il programma della rassegna dedicata a Federico II tra Ancona e Jesi. Approfondimenti con storici e medievisti, ma pure concerti, spettacoli e fumetti.

Il Festival "Stupor Mundi". Arriva anche Branduardi

Il cantautore Angelo Branduardi sarà in concerto a Jesi il 9 maggio

Non solo approfondimenti sulla figura di Federico II con medievisti e storici che interverranno principalmente nel capoluogo dorico dall’11 al 14 aprile ma anche cinema, spettacoli e fumetti con eventi anche di grande richiamo i quali saranno ospitati nella città natale di Federico II (Jesi) l’1 e 2 giugno. Sempre per Jesi l’organizzazione anconetana del festival Stupor mundi ha messo in piedi un evento musicale di grande richiamo con il cantautore Angelo Branduardi che il 9 maggio sarà a Jesi, per un intervento musicale dedicato a "San Francesco e Federico II".

Ma non è tutto perché Jesi ospiterà al teatro Pergolesi nei primi giorni di giugno anche un grande attore e un noto chitarrista i quali non vengono ancora svelati. Una sorta di terzo calendario che non compare ancora nel programma del festival ‘Stupor mundi’ ideato da William Graziosi e diretto dal prof Fulvio delle Donne. Al lavoro sulla tre giorni dei primi di giugno c‘è la Fondazione Federico II Hohenstaufen che, al teatro Pergolesi, proietterà il film del regista Paolo Banchini "Il giorno, la notte. Poi l’alba" per le scuole e per la città. Palazzo Bisaccioni poi ospiterà una mostra speciale sul fumetto dedicata all’imperatore nato a Jesi e guiderà anche il pubblico alla scoperta degli ori jesini. Saranno organizzate anche delle performance in piazza.

Un programma quello jesino improntato soprattutto sullo spettacolo e l’intrattenimento visto che i relatori e medioevisti che già in passato sono intervenuti nei numerosi convegni organizzati dalla Fondazione Hohenstaufen erano ‘prenotati’ dal capoluogo dorico. Ecco allora che Jesi ha dovuto rinunciare. Una pace apparente quella tra Ancona e Jesi, dichiarata dai due sindaci dopo lo strappo dei fondi inizialmente dirottati solo sul capoluogo? Ai posteri l’ardua sentenza.

Intanto il consiglio regionale ieri ha varato proprio una legge per "promuovere la figura di Federico II Svevia. "Due città nel nome di Federico II – sottolinea il consigliere regionale Carlo Ciccioli, primo firmatario della proposta di legge – Anzi, un’intera Regione pronta a promuovere l’eccezionale figura dello Stupor Mundi che nacque a Jesi, nella Marca di Ancona, il 26 dicembre 1194. E lo facciamo attraverso un’apposita Legge regionale con cui si stanziano fondi importanti, 70mila euro per il 2024, a 830 anni dalla nascita e a 800 anni dalla fondazione della prima università pubblica della storia, l’Università Federico II di Napoli che vanno ad implementare i 130mila euro già erogati nel 2023, per un total di 200mila euro".

"Con questi fondi che l’istituendo Comitato avrà a disposizione – ha commentato Ciccioli – vi sarà il giusto sostegno, da parte della Regione, alle iniziative di promozione della figura e dell’opera di Federico II di Svevia, nonché alla rete di enti impegnati nella sua valorizzazione, a partire dal Museo Federiciano di Jesi, il Festival Stupor Mundi e la Fondazione Federico II Hohenstaufen".