Il futuro del Sanzio. Voli di continuità, la Regione ha detto sì all’offerta di SkyAlps

L’Enac ha riferito che la proposta della compagnia è ritenuta congrua. Ora si procede alla conclusione dell’iter per avviare quanto prima le attività. Il governatore Acquaroli: "Soluzione temporanea, fino a quella definitiva".

Il futuro del Sanzio. Voli di continuità, la Regione ha detto sì all’offerta di SkyAlps

Il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli

Disco verde dell’Ente nazionale dell’aviazione civile, dietro parere positivo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. E così, ieri, anche la Giunta regionale ha preso atto e dato via libera all’Enac a procedere per la nuova proposta dei voli di continuità territoriale che, dopo la parentesi burrascosa con Aeroitalia durata sei mesi, saranno gestiti dal vettore SkyAlps. Tecnicamente dal primo aprile, come previsto dalla procedura d’emergenza, e per 45 giorni (ovvero fino al 15 maggio), ma prorogabili per sette mesi fino al bando – si spera – risolutivo. In tal senso, però, ieri, seppure sollecitati a ripetizione, i soggetti interessati non si sono sbottonati sulle date di partenza dell’operazione. E la prudenza non è mai abbastanza visto quello che è successo.

Prendendo per buona la soluzione del ponte di Pasqua come fase di avvio, restano una decina di giorni scarsi per definire il nuovo piano operativo della compagnia con sede a Bolzano e che, dalle Alpi, è pronta a planare sopra i cieli delle Marche, destinazione Ancona International Airport. Il governatore Francesco Acquaroli, in serata, ha insistito sul fatto che si tratta di una "soluzione temporanea, fino a quella definitiva". Confermate le indiscrezioni circolate negli scorsi giorni: bigiornaliero per Milano, giornaliero per Roma e due voli settimanali su Napoli. Ancora il presidente, dettagliando: "Da Ancona, partiranno due voli andata e ritorno, mattina e sera, per Milano Linate dal lunedì al venerdì, un volo andata e ritorno il sabato mattina e la domenica sera. Un volo andata e ritorno è previsto tutti i giorni per Roma Fiumicino, mentre per Napoli ce ne sarà uno, andata e ritorno, il lunedì e il venerdì". La speranza di Acquaroli: "Siamo fiduciosi che tutto quanto vissuto in questi mesi possa ormai essere messo alle spalle e che la continuità territoriale possa finalmente produrre gli effetti sperati: eliminare quell’isolamento che tanto ci condiziona".

L’Enac aveva comunicato due giorni fa alla Regione "che la proposta del vettore SkyAlps" era stata "ritenuta congrua e che, con una nota del 15 marzo, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel carattere emergenziale della procedura, condivideva le predette proposte", hanno chiarito da Palazzo Raffaello, prima di prenderne atto e decidere "di comunicare all’Enac di procedere alla conclusione dell’iter, incaricando la struttura regionale competente in materia, e di trasmettere all’Enac stesso, tale determinazione e di avviare quanto prima le attività per la nuova progettazione degli oneri di servizio pubblico per i voli da e per l’aeroporto di Ancona". Il nuovo piano di continuità, infatti, dovrebbe essere sostenuto da un impegno di spesa maggiore.