Jesi, tornano le ladre in trasferta: denunciate due nomadi

Hanno commesso un nuovo furto di 300 euro in largo Allede. La polizia le ha rintacciate grazie alle telecamere: Erano già state arestate a novembre scorso

In azione la polizia

In azione la polizia

Jesi (Ancona), 28 febbraio 2024 – Nuovo maxifurto di cosmetici in un negozio della città: la polizia trova e denuncia due nomadi di 22 anni già arrestate a novembre scorso. Le due sono tornate in trasferta da un campo rom della capitale il quale si trova in via Salaria. Tutto è iniziato nei giorni scorsiquando il responsabile di un punto vendita commerciale in Largo Salvador Allende, presentatosi in commissariato sporgeva querela per il furto di cosmetici avvenuto alcune settimane prima per un valore complessivo di 300 euro. Gli investigatori, acquisite le immagini delle telecamere interne al negozio hanno accertato che si trattava di due donne di presunta etnia rumena, una delle quali con occhiali da sole. Le due entrate nel negozio, avevano asportato svariati prodotti di cosmetica, nascondendo il tutto sotto gli abiti indossati. Alcune commesse accortesi di ciò le hanno redarguite e le giovani donne in tutta risposta sono fuggite a gambe levate. L’attività di comparazione fisionomica tra le immagini delle due donne riprese dall’impianto di video sorveglianza e quelle a disposizione del commissariato che aveva nel mese di novembre già tratto in arresto una banda di rumeni per furto di cosmetici ed abbigliamento, ha consentito di appurare oltre ogni ragionevole dubbio che si trattava delle donne della stessa banda. Le due donne, individuate grazie ad una nota di rintraccio, sono state denunciate per furto aggravato continuato in concorso. Le stesse saranno proposte per il divieto di ritorno nel Comune di Jesi.