Nuove Tombari, c’è l’ok. La scuola alle Palombare

La giunta Silvetti ha dato il via libera all’opera nonostante i dubbi iniziali

Nuove Tombari, c’è l’ok. La scuola alle Palombare
Nuove Tombari, c’è l’ok. La scuola alle Palombare

Plesso delle Tombari tra via della Montagnola e le Palombare: a fine anno la giunta ha approvato l’atto di giunta che dà in pratica il via libera all’opera voluta dalla precedente amministrazione comunale che l’ha inserita nella lista dei progetti Pnrr. Un’approvazione arrivata proprio alla fine dell’anno appena passato, nella seduta del 28 dicembre, il giorno in cui il sindaco Daniele Silvetti ha tenuto la sua conferenza stampa di fine anno. Via libera dunque alla variante al Piano regolatore per il recupero dell’area contrassegnata dall’acronimo Apl20, con una modifica sull’accesso all’istituto per renderlo compatibile con circuito del cross attiguo al campo sportivo ‘Conti’. Attualmente la scuola dell’infanzia Tombari si trova all’interno di un condominio nel quartiere delle Palombare, una soluzione in vigore da anni ormai in attesa che si pianificasse il nuovo plesso. La giunta Mancinelli ha avviato le procedure che adesso la nuova amministrazione sta portando avanti in attesa dell’affidamento dei vari bandi di gara e del via dei lavori. Il sito scelto dalla vecchia amministrazione e confermato dalla nuova, non senza problemi sollevati da vari fronti, è quello dell’area dismessa tra via del Commercio alle Palombare e via della Montagnola. In quel punto da anni il collegamento stradale è interrotto. Nell’area prescelta oltre al plesso che ospiterà la nuova scuola dell’infanzia Tombari verrà realizzato anche un nuovo asilo nido, servizio di cui c’è sempre bisogno. L’intero plesso sarà immerso in una grande area verde con la superficie edificabile che sarà di 750mq. E ospiterà complessivamente, tra materna e nido, 135 bambini.

L’attuale amministrazione avrebbe preferito altri siti, ma alla fine visti i tempi progettuali e via discorrendo le Tombari verranno realizzate lì. A sollevare dubbi di recente era stato anche il consulente del sindaco sui temi ambientali, il professor Floriano Bonifazi, coordinatore del Pia 1 e adesso del Pia 2 che, ricevuto il finanziamento del comune (200mila euro, in attesa dei 300mila dalla Regione). Il problema, a detta sua, era legato alla presenza della ciminiera di Anconambiente all’interno di un raggio di 500 metri dalla scuola, dunque a rischio inquinamento.

p.cu.