Polizia, stand per sensibilizzare. Contro la violenza sulle donne

"Ti controlla? Ti umilia? Questo non è amore". Gli agenti parlano con i cittadini

Polizia, stand per sensibilizzare. Contro la violenza sulle donne
Polizia, stand per sensibilizzare. Contro la violenza sulle donne

Stand della polizia per sensibilizzare alla tematica della violenza sulle donne: un modo per dire basta ai tanti femminicidi che stanno devastando l’Italia e che sono accaduti anche nelle Marche. l’ultimo a Fano.

Dopo l’incontro organizzato dal Comune (e moderato dalla giornalista Federica Zandri) con la psicologa e criminologa forense, Roberta Bruzzone, ecco gli appuntamenti con il 113. La polizia di Stato, con uomini e donne, è scesa in strada.

Due giorni fa, ad esempio, era in piazza Roma, ai piedi del maestoso albero natalizio, per illustrare ai passanti e a quanti hanno voluto avvicinarsi i segnali per riconoscere una violenza in erba.

´Ti controlla? Ti umilia? Ti deride spesso? Questo non è amore´, recita un volantino. Guardia alta anche sul senso di inadeguatezza, e di colpevolezza. Campanelli di allarme sono anche quando il maltrattante tiene lontano la vittima dagli amici, condiziona l’abbigliamento, pretende pratiche sessuali non consensuali.

E ancora il controllo economico.

In piazza, con i lampeggianti accesi, anche una fiammante Range Rover del 113. La volante ha destato la curiosità dei più piccoli che sono saliti a bordo per vedere gli attrezzi del mestiere: sirena, divise, radio di servizio e paletta. La questura di Ancona sta organizzando persino corsi di autodifesa per le donne che possano potenzialmente trovarsi in pericolo.

ni.mor.