Scoppia l’ennesima rissa, il questore chiude il bar

Il bar in piazza Rosselli è stato chiuso per motivi di ordine e sicurezza pubblica dopo una violenta aggressione tra due cittadini stranieri. Il locale era già stato coinvolto in episodi simili in passato e rischia ora una chiusura definitiva.

Scoppia l’ennesima rissa, il questore chiude il bar
Scoppia l’ennesima rissa, il questore chiude il bar

Si danno appuntamento al bar e invece di chiacchierare prima si ubriacano poi arrivano alle mani. Una violenta aggressione che si è consumata in un pubblico esercizio di piazza Rosselli, a pochi metri dalla stazione ferroviaria. Il locale era già finito nei provvedimenti di sicurezza della polizia. Ieri il questore Cesare Capocasa ha sospeso l’attività del bar per motivi di ordine e sicurezza pubblica. C’è pericolo per i cittadini. Per due settimane dovrà restare chiuso poi si vedrà.

L’attività infatti rischia anche di non riaprire. Il locale in questione infatti era stato già teatro di episodi del genere ed era stato riscontrato dai poliziotti quale abituale ritrovo di pregiudicati. Anche in quel caso aveva subito una chiusura provvisoria di diversi giorni.

Il nuovo provvedimento rischia di peggiorare la sua posizione fino ad una chiusura definitiva. A picchiarsi nel bar sono stati due cittadini stranieri.

L’episodio risale a qualche giorno fa. I due si erano dati appuntamento nel locale e sono arrivati che già aveva alzato un po’ il gomito. Una volta al balcone hanno continuato a chiedere da bere alcolici fino ad ubriacarsi. Una parola di troppo e male interpretata ha scaldato gli animi e per delle sciocchezze i due hanno iniziato a spingersi. Poi sono volati calci e pugni. L’aggressione è proseguita in strada. Uno dei due litiganti ha avuto la peggio ed è stato portato con delle ferite al volto al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette. Non era grave.

Sulla vicenda avevano indagato i poliziotti della squadra mobile, intervenuti dopo il far west. Non è il primo bar che il questore fa chiudere per motivi di sicurezza. In passato è toccato anche ad altre attività pubbliche del centro, sorprese a dare da bere alcolici ai minorenni. Un controllo dei poliziotti, durante le ore serali, avevano portato gli agenti a denunciare i titolari a cui poi il questore aveva emesso il provvedimento di chiusura temporanea.