Sicurezza Zinni: "Pistole per la polizia locale"

L’assessore anticipa il nuovo corso della giunta: "Vediamo se solo per gli agenti in servizio di notte. Ci saranno trenta nuove assunzioni"

Sicurezza Zinni: "Pistole per la polizia locale"

Sicurezza Zinni: "Pistole per la polizia locale"

di Pierfrancesco Curzi

Il nuovo comandante entro metà settembre, il concorso per assumere i nuovi vigili nel 2024, la riorganizzazione del comando e l’armamento degli agenti. Il futuro della polizia locale di Ancona passa attraverso il nuovo corso voluto dall’assessore competente, Giovanni Zinni. La battaglia più importante da perseguire è quella legata all’armamento del personale, un tema che il centrosinistra ha sempre rifiutato e che adesso la destra ripropone con forza: "Doteremo almeno una parte dei nostri agenti dell’arma, questo è sicuro – spiega Zinni – Dobbiamo eliminare ogni ostacolo alla possibilità di svolgere i servizi notturni a supporto della pubblica sicurezza come viene richiesto in sede di comitato provinciale in prefettura. Dobbiamo diventare una forza che collabora, dialoga e ha pari dignità rispetto a polizia, carabinieri e agli altri Corpi. Quando si parla di armare gli agenti io intendo con la pistola, il taser non c’entra e non ci interessa. Dobbiamo soltanto capire a quali settori del Comando attribuire l’arma, se soltanto quelli operativi nei servizi di notte, ma questo dipenderà dal riassetto organizzativo e dal nuovo dirigente. Chi sarà? Verrà emesso un avviso per la presentazione delle domande, una commissione valuterà i profili e la nomina spetterà al sindaco sotto il profilo squisitamente fiduciario. Nomi al momento non se ne possono fare, quelli usciti non avevano ragione di essere".

Dunque, arma in dotazione e servizi di notte. Con 85 agenti complessivamente a disposizione non sarà possibile fare troppo: "In effetti siamo corti come personale, ma intanto si può iniziare, magari garantendo la presenza delle pattuglie venerdì e sabato notte, o quanto meno una notte. Quando assumeremo 20-30 nuovi agenti – aggiunge il vicesindaco e assessore con delega alla polizia locale – potremo implementare il servizio notturno al 100%. Un Comando come Ancona deve avere più di 100 agenti, ma io punto ad arrivare a 115-120. Dovremo calcolare anche cosa stabilisce la ragioneria perché le assunzioni costano e lo stesso si dica per le indennità, gli straordinari, le notti e così via. Per non parlare del confronto sindacale. Siamo ancora all’inizio, forse riusciremo ad anticipare il concorso entro l’anno, ma la vedo dura, comunque dateci il tempo di mettere le cose a posto".

Ci sono poi altre prerogative molto importanti: "Verrà ripristinata la totale funzionalità della sezione di Polizia giudiziaria, questo è certo e poi vorrei realizzare una super centrale operativa dove accentrare tutti i sistemi, compresa la videosorveglianza". Infine le multe e i controlli della velocità: "A me non piace sanzionare per fare cassa, non è quello il toccasana per i conti comunali. Piazzeremo autovelox e telelaser dove servono per garantire la sicurezza, non per stilare verbali di multe che poi non tutte verranno riscosse".