"Tiramisù, l’obiettivo è di attivarlo 24 ore"

Il sindaco: "Chi polemizza non ricorda che è uno dei pochi gratuiti in Italia e di notte se non serve ha un costo molto elevato"

"Tiramisù, l’obiettivo è di attivarlo 24 ore"
"Tiramisù, l’obiettivo è di attivarlo 24 ore"

La chiusura serale dell’impianto di risalita per raggiungere il centro storico dal maxiparcheggio e non solo ha provocato un’ondata di polemiche in queste giornate in cui Osimo ha accolto tante persone per la presenza della pista di pattinaggio sul ghiaccio e tanti eventi. Il sindaco Simone Pugnaloni ha spiegato: "Dalla sua nascita che ha determinati orari, non è stato mai attivo h24. Se si gira l’Italia è uno dei pochi impianti a risalita gratuita, e questo anno per Natale anche il maxiparcheggio è gratis tutto il giorno fino all’Epifania. Nelle giornate in cui ci sono eventi tiene aperto fino alle 2. A notte fonda senza eventi l’utenza non c’è, penso sia un motivo valido non sprecare risorse dalle 2 alle 6 se l’utenza è poco sopra le zero. Per il 2024 stiamo pianificando di poter aprire senza l’obbligo del personale in servizio h24. La gratuità già così ha un costo elevato". L’assessore alla Polizia Federica Gatto aggiunge: "In questi anni si è lavorato per rendere più fruibile la struttura del maxiparcheggio, una grande risorsa per la città, ammodernandolo, rendendolo più accessibile grazie alla realizzazione dell’ascensore e soprattutto sostenibile attraverso l’impianto fotovoltaico. L’alta fruibilità è stata agevolata soprattutto grazie all’abbattimento delle tariffe che ha visto un notevole incremento degli accessi: si è passati dai 52mila e 836 del 2014 ai 130mila e 734 (70mila e 874 abbonati e 59mila e 860 utenti occasionali) del 2022 e ai 140mila e 984 (72mila e 325 abbonati e 68mila e 659 utenti occasionali) del 2023. E’ una struttura che necessita di grandi lavori manutentivi ed infatti per il 2023 sono stati stanziati 300mila euro e per 2024, nel bilancio di previsione appena approvato, sono stati aggiunti ulteriori 500mila euro che permetteranno di effettuare una totale messa in sicurezza". Tutto questo serve per garantire quegli standard di utilizzo che grande impatto hanno sul flusso veicolare del centro storico: "Ne è un esempio la gratuità in questo periodo natalizio, che ha evitato il congestionamento del traffico nelle vie centrali. Nonostante i rincari e le difficoltà economiche di questo periodo storico, le tariffe per lo sosta sono rimaste invariate e si è anche riusciti a rendere strutturale mezz’ora di gratuita per chi paga almeno un’ora e gli stalli a disco orario. Coscienti poi delle difficoltà per i residenti, sono rimasti invariati i costi dei permessi eliminando però la diversificazione delle zone in cui poter sostare, mantenendo l’alta rotazione ma prevedendo fasce orarie più ampie per la sosta in quelle aree (dalle 11.30 alle 15.30 e dalle 19.30 alle 9.30)".

Silvia Santini