Travolto dal treno, muore medico

Tutto farebbe pensare a un gesto volonario. Malore per la compagna. Disagi sulla linea Ancona-Bologna

Travolto dal treno, muore medico
Travolto dal treno, muore medico

E’ morto travolto dal treno: ha deciso di farla finita ieri gettandosi sotto un treno un ex medico di base di San Lorenzo in campo (provincia di Pesaro Urbino) che dal 2021 non esercitava più la professione. Negli ultimi giorni sono tre le persone unite dallo stesso destino. Ieri il traffico sulla linea Ancona Bologna, nel tratto Marzocca – Senigallia, è stato sospeso dalle 12.01 per gli accertamenti da parte dell’autorità giudiziaria. La circolazione ferroviaria è ripresa alle 15. Il 68enne, originario di Pergola ma che viveva solo in città, si era recato sulla linea ferroviaria all’altezza di Ciarnin, dove aveva parcheggiato l’auto della sua compagna prima di scendere e decidere di farla finita. Nessun messaggio, ma le chiavi e il celllulare lasciate all’interno dell’auto aperta hanno lasciato presagire che quanto accaduto si trattasse di un gesto premeditato.

Dall’ospedale di Torrette, si è alzata in volo un’eliambulanza: sul posto sono arrivati anche il personale medico del 118, la polizia e i vigili del fuco, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Il 68enne, medico molto stimato, aveva avuto qualche problema di depressione dopo la pandemia e aveva sospeso la sua professione. Una persona molto discreta, soprattutto negli ultimi tempi. A dimostrarlo, il suo profilo Facebook, dove non ci sono informazioni riguardo alla sua vita e alla sua professione, ma solo alcune foto che lo ritraggono sorridente, insieme alla compagna. Tanti i messaggi di affetto a commento delle foto in cui i suoi ex pazienti si dichiarano felici nel vederlo in questa nuova vita. Una felicità che probabilmente era solo frutto dell’immaginazione altrui, mentre lui covava dentro una sofferenza così grande che lo ha portato a compiere un gesto estremo come quello di togliersi la vita gettandosi sotto il un Regionale veloce partito da Ancona e diretto a Piacenza.

Da qualche tempo l’uomo, aveva una compagna che ieri è stata subito avvisata dopo l’accaduto ed è stata colta da un malore e subito soccorso dal personale medico. Quello avvenuto ieri è il terzo suicidio in venti giorni. La spiaggia di velluto è ancora sotto choc per quanto accaduto lo scorso 12 gennaio, a soli 34 anni si era gettata sotto un Frecciarossa. Una notizia che aveva scosso quanti la conoscevano e non avrebbero mai immaginato fosse capace di un gesto simile. Il terzo caso era avvenuto il 16 gennaio scorso a Falconara, causando grossi problemi alla viabilità ferroviaria.

Silvia Santarelli