"Videosorveglianza, ecco i veri numeri"

Il sindaco Signorini replica a Baldassini e spiega lo stato dell’arte: "Avremo 80 telecamere in città".

"Videosorveglianza,  ecco i veri numeri"
"Videosorveglianza, ecco i veri numeri"

"Il consigliere Marco Baldassini evidentemente non sa leggere i documenti: la manutenzione delle telecamere costa al Comune 6.222 euro per un intero semestre, dal primo luglio al 31 dicembre 2023". Così il sindaco Stefania Signorini risponde alla polemica sulla videosorveglianza, in particolare alla dichiarazione del capogruppo dei Riformisti ("Completamente infondata", dice), in base alla quale la cifra era riferita a un solo mese. "Baldassini dimostra anche una certa miopia – continua – perché si concentra sulla manutenzione, tra l’altro indicando cifre errate, che è solo un piccolo aspetto. Il project financing a cui si riferisce, insieme alle altre azioni intraprese, permetterà all’amministrazione, in meno di due anni, di avere circa 80 telecamere, in gran parte nuovissime e ad alta risoluzione, a fronte delle 26 possedute nel 2021". L’intenzione è di estendere l’avanzato sistema anche alle zone non coperte. La videosorveglianza integrata al controllo della sosta e con varchi all’ingresso della città è un percorso avviato a dicembre 2021, tramite la partecipazione al bando ministeriale per 160mila euro. Dopo l’aggiudicazione a dicembre scorso, le opere sono state quasi completate prima del collaudo. L’impianto è stato implementato con un tredicesimo varco, una centrale operativa moderna per la Polizia locale, otto spycam nuove in più e la messa in rete delle nove cimiteriali sistemate da Marche Multiservizi.

Il sindaco chiarisce che il project financing - proposto da un privato ad inizio 2021 per i varchi e sospeso durante le gare per l’affidamento - è stato migliorato per ottenere un sistema integrato di sicurezza che portasse ad una gestione innovativa della sosta e della mobilità urbana. Appaltato a inizio anno, ora il progetto prevede, oltre all’installazione di 50 telecamere, la sistemazione dei rilevatori della sosta per semplificare i controlli e parcometri idonei all’inserimento della targa. Saranno digitalizzati i servizi grazie ad una piattaforma per rilascio e pagamento dei permessi.