Cupra vuole essere più green: ecco cosa fare coi fondi Pnrr

I finanziamenti dell’Europa verranno impiegati per isole ecologiche e una ricicleria.

Cupra vuole essere più green: ecco cosa fare coi fondi Pnrr
Cupra vuole essere più green: ecco cosa fare coi fondi Pnrr

Cupra Marittima vuole essere sempre più green. Con il finanziamento di 500 mila euro del PNRR ottenuto tramite l’Ambito Territoriale, con gestore Picenambiente , andrà a realizzare una nuova ricicleria che sarà costruita nella zona artigianale ai confini con il territorio di Massignano ed acquisterà nuove isole ecologiche informatizzate con bidoni per l’umido dotati di bocchette, anche queste informatizzate, che consentiranno la tariffazione puntuale. Insomma chi più ricicla meno spende. La Giunta ha approvato il progetto che dovrà essere realizzato entro il 2025. Va detto che a Cupra Marittima ci sono già attive ben 5 isole ecologiche informatizzate dislocate nel parcheggio della Beifyn, al paese alto di Marano, in via Taffetani, nel condominio di fronte al bar Curzi e nel condominio in via delle Conchiglie. "Siamo molto soddisfatti di essere riusciti a intercettare, come Assemblea Territoriale d’Ambito, questo bando PNRR e per questo ringrazio tutto lo staff tecnico dell’ATA e il nostro gestore Picenambiente – afferma il vice sindaco Lucio Spina - Grazie alle loro competenze hanno saputo individuare le esigenze del territorio, ma soprattutto ci permetteranno di raggiungere, piano piano, quello che la legge ci impone e che tutti auspichiamo, la tariffazione puntuale. Inoltre la nuova riclicleria ci consentirà di fornire ai nostri cittadini un servizio più ampio e tecnologicamente avanzato". Fra un paio di settimane sarà inaugurato il nuovissimo parco bau realizzato alle spalle del Museo Malocologico in cui il Comune ha investito 15 mila euro, di cui 10 mila euro di contributo regionale e 5 mila da bilancio comunale. Nei giorni scorsi il Comune ha predisposto il regolamento ed a breve il Parco bau sarà aperto ai possessori di cani che potranno portare i lori amici a fare una sgambata in tutta sicurezza.

Marcello Iezzi