Il congresso dei Canonisti

La Diocesi si Ascoli ospiterà la 53esima edizoine dal 4 al 7 settembre

Il congresso dei Canonisti
Il congresso dei Canonisti

La Diocesi di Ascoli ospiterà dal 4 al 7 settembre il 53° Congresso nazionale di diritto canonico dal titolo "Le dinamiche processuali nella fase istruttoria del Giudizio Canonico". Il congresso si aprirà lunedì 4 settembre alle 17 in Cattedrale con la concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Palmieri che nel presentare ieri l’evento ha voluto ringraziare l’associazione canonistica per aver scelto Ascoli per il convegno che sarà ospitato all’Hotel Casale di Colli. "Per i canonisti, operatori o professori all’interno del mondo ecclesiale o anche civile, è l’occasione per confrontarsi su tematiche che riguardano il loro servizio pastorale, il loro insegnamento" ha detto Palmieri. "Tematiche vive e calde che volta per volta nella vita della chiesa acquistano particolare rilevanza".

Alla conferenza stampa è intervenuto in videocollegamento mons. Ettore Signorile. "Il tribunale ecclesiastico è uno strumento pastorale, non va a cercare le colpe, ma va a individuare i rimedi. E qui siamo in pieno solco della riforma di Papa Francesco" ha aggiunto il presidente dell’Associazione Canonisti Italiani. La folta delegazione visiterà i centri storici di Ascoli e Offida. Nell’itinerario in città e negli ingressi alle chiese e al Museo Diocesano parteciperanno anche le giovani guide formate dall’Associazione Culturale Asculum 2000 in collaborazione con l’Ufficio Diocesano Beni Culturali, mentre l’Istituto Musicale Gaspare Spontini contribuirà all’evento con le esecuzioni dei giovani fratelli Alessia e Luca De Angelis. Durante la cena ai congressisti sarà servito il vino prodotto dalla raccolta dei ragazzi autistici del centro diurno per l’agricoltura sociale L’Orto di Paolo. "Questo convegno risveglia anche l’impegno di noi sacerdoti in tematiche spesso considerate poco ma che sono invece molto importanti" ha concluso don Lino Arcangeli.

Peppe Ercoli