Macchia oleosa davanti agli scogli Rimosso il divieto di balneazione

Attivati il Coc e l’Arpam dal sindaco: "Il problema si è risolto in poco tempo".

Macchia oleosa davanti agli scogli  Rimosso il divieto di balneazione
Macchia oleosa davanti agli scogli Rimosso il divieto di balneazione

Cessato allarme sulle spiagge di Cupra Marittima dopo la comparsa della presunta macchia oleosa che ha interessato il mare nella zona sud della località balneare della Riviera delle Palme. Diciamo presunta, poiché dalle prime analisi sembra, addirittura, non trattarsi di idrocarburi, ma gli accertamenti di laboratorio, a cura dell’ARPAM che ha eseguito i prelievi, sono ancora in corso. Ieri mattina presto sono state tolte le panne assorbenti che erano state disposte nel pomeriggio di giovedì a cura del personale della guardia costiera, portate sul posto dal battello Eco-Elba di stanza nel porto di San Benedetto. I presidi ecologici non hanno cambiato colore e sembra che non abbiano assorbito materiali chimici. Della macchia che aveva fatto scattare l’allarme, con l’evacuazione di tutti i bagnanti nella zona a sud di Cupra, tra Catamarà e lo chalet Gabry, già nella serata di giovedì non vi era più alcuna traccia della macchia, che si è completamente dissolta. Intanto il sindaco Alessio Piersimoni, per precauzione, aveva attivato il C.O.C. per affrontare rapidamente il problema, aveva chiesto l’intervento dell’ARPAM ed emesso il divieto di balneazione temporaneo che nella tarda mattina di ieri è stato rimosso. In poco tempo la situazione è stata posta sotto monitoraggio dalla capitaneria di porto, bagnini di salvataggio, polizia locale e ufficio tecnico comunale. "Per fortuna il problema si è risolto in maniera rapida e indolore, nessun danneggiamento al mare e alla spiaggia – spiega il sindaco Alessio Piersimoni – La situazione è tornata alla normalità ed i bagnanti sono tornati a godersi le nostre belle spiagge. E’ stato un allarme temporaneo cui abbiamo risposto in maniera tempestiva. Ringrazio per collaborazione le forze dell’ordine e i bagnanti. Torniamo a goderci l’estate in assoluta tranquillità". Marcello Iezzi