Natività, la mappa nel Piceno

Cresce l’attesa per i presepi viventi, che nelle prossime settimane torneranno protagonist...

Natività, la mappa nel Piceno
Natività, la mappa nel Piceno

Cresce l’attesa per i presepi viventi, che nelle prossime settimane torneranno protagonisti in tante località del Piceno. Il primo presepe ad essere allestito sarà quello di Comunanza, nella serata di Santo Stefano, il 26 dicembre. Dalle 17 alle 19, dunque, sarà possibile ammirare la Natività in centro storico. Quella comunanzese è una delle manifestazioni più antiche delle Marche se si considera che è stato rappresentato per la prima volta nel 1969, seppur con alcuni anni di interruzioni. L’evento, che nel 2016 non si è tenuto a causa del sisma, ed in seguito anche per la pandemia da covid, è tornato lo scorso anno in una location di particolare interesse e bellezza. Si tratta di un appuntamento di valenza territoriale che richiama centinaia di visitatori e coinvolge oltre 200 figuranti della cittadina di tutte le età in abiti dell’epoca. Il pubblico sarà immerso nella rievocazione e potrà camminare in uno spaccato storico, che ricorda la Betlemme di duemila anni fa. Il 30 dicembre, poi, si potrà visitare il presepe vivente di Vallegrascia, nel comune di Montemonaco, nel bel mezzo dei monti Sibillini. La manifestazione è giunta quest’anno alla 24esima edizione e si svolgerà dalle 17 alle 19 lungo le vie del paese. Alle 18.15, sempre il 30 dicembre, ci sarà anche lo spettacolo teatrale per la pace. In contemporanea, verrà allestita la mostra permanente di mini presepi artigianali. Ad animare la serata saranno anche i canti natalizi del gruppo folk di Filottrano ‘Quelli dell’Ara’. Infine vin brulè, caldarroste e dolci natalizi per tutti i partecipanti. Ad Acquasanta, poi, il 6 gennaio il presepe vivente verrà allestito nella suggestiva cornice rappresentata dalle terme e sarà possibile visitarlo dalle 17.30 alle 19.30. Si tratta dell’undicesima edizione ed è previsto anche un bus navetta gratuito.

Matteo Porfiri