Porta Tufilla riabbraccia Gubbini

Dopo il bruttissimo incidente dirigerà la scuderia del sestiere: "La riabilitazione fisica è ancora lunga"

Porta Tufilla riabbraccia Gubbini
Porta Tufilla riabbraccia Gubbini

Il sestiere di Porta Tufilla riabbraccia Massimo Gubbini. Il ‘gladiatore’, ancora in fase di riabilitazione dopo il terribile incidente avvenuto alle prove della Quintana di Foligno lo scorso primo luglio, ha partecipato al pranzo di Natale rossonero che si è svolto ieri al ristorante Villa Angelini. Il cavaliere, che nel 2024 resterà sicuramente fermo visto che le sue condizioni di salute, seppur in netto miglioramento, non gli consentono ancora di tornare a correre, è tornato a parlare di questo periodo difficile che ha vissuto. "Sono contento di rivedere tutti i miei amici di Porta Tufilla – ha ammesso Gubbini, che ai rossoneri ha regalato ben otto Palii, l’ultimo dei quali in sella a Trentino nel luglio del 2022, nella giostra che resterà nella storia come quella dei record –. Sto decisamente meglio, anche se la riabilitazione fisica è ancora lunga. Non ho ancora montato a cavallo e sto aspettando un po’, prima di ricominciare. Diciamo che non voglio bruciare troppo le tappe".

Gubbini, comunque, nelle Quintane dell’anno prossimo dirigerà la scuderia di Tufilla e, durante il pranzo di Natale, sono stati presentati ufficialmente i due cavalieri per il 2024. Il primo è Denny Coppari, 37enne di Treia che dunque sarà confermato dopo le due ottime prestazioni sfornate quest’anno e del quale si sapeva già. L’altro, invece, è il 28enne aretino Adalberto Rauco, che i rossoneri hanno ingaggiato in ottica futura. "Denny, la scorsa estate, ha raccolto con entusiasmo la possibilità di tornare in pista dopo otto anni dalla sua ultima partecipazione alla Quintana e devo dire che si è comportato in maniera eccellente – ha spiegato il caposestiere Matteo Silvestri –. Quindi vogliamo dare continuità al lavoro che ha svolto. Il tutto sotto la supervisione di Massimo Gubbini, per il quale ringrazio Dio di averlo qui con noi". "Usciamo da un anno terribile – ha proseguito il console Francesco Mazzocchi –. Adesso, però, ciò che più conta è avere Massimo di nuovo tra noi, nella nostra famiglia".

Denny Coppari, per le giostre del 2024, avrà a disposizione i cavalli di Gubbini, tra i quali il fenomenale Trentino, rimasto ai box quest’anno. Inoltre, potrà fare affidamento anche sui due cavalli di sua proprietà. Rauco, invece, è proprietario di cinque purosangue. Entrambi si sono detto onorati di avere al fianco un ‘mostro sacro’ come Gubbini e orgogliosi di essere stati scelti dal sestiere rossonero, promettendo il massimo impegno. Sia Coppari che Rauco, infine, parteciperanno al torneo in programma allo Squarcia il 7 gennaio, che aprirà i festeggiamenti per il settantennale della Quintana.

Matteo Porfiri