Rischio pioggia per lo Squarcia "Lavoriamo per una pista al top" Colavita: ecco il nostro piano

Il nuovo responabile: "Troppe precipitazioni peggiorano le condizioni del campo. L’acquazzone dovrebbe esserci venerdì sera e sabato sera, ma siamo fiduciosi".

Rischio pioggia per lo Squarcia  "Lavoriamo per una pista al top"  Colavita: ecco il nostro piano
Rischio pioggia per lo Squarcia "Lavoriamo per una pista al top" Colavita: ecco il nostro piano

Incombe il pericolo pioggia sulla pista del campo dei giochi, in vista della Quintana di domenica. Le brutte previsioni meteo per le giornate di venerdì e sabato, infatti, a meno che la situazione non cambi nelle prossime ore, rischiano di mettere a rischio la tenuta del terreno. Il responsabile Umberto Colavita, dunque, sta monitorando la situazione e provvedendo a gestire nel migliore dei modi l’otto, per far sì che durante la giostra il tracciato possa essere il più performante possibile. "La pioggia non è pericolosa, ma le bombe d’acqua sì – conferma il tecnico, che a pochi giorni dalla Quintana di luglio prese il posto del dimissionario Maurizio Celani –. Troppe precipitazioni, infatti, peggiorano le condizioni del campo. Comunque, l’acquazzone dovrebbe esserci venerdì sera e sabato sera, ma siamo fiduciosi sul fatto che le previsioni possano migliorare. In ogni caso, lavoreremo duramente per mettere a disposizione dei cavalieri una pista al top".

Nelle ultime due sessioni di prove, quelle di lunedì e martedì, lo Squarcia si è presentato in ottime condizioni. "Effettivamente sì, tutto è andato per il verso giusto – prosegue Colavita –. Dopo ogni cavallo abbiamo fatto passare il trattorino, ma durante la giostra il mezzo verrà impiegato ogni tre cavalieri. Cercheremo anche di essere più veloci e ridurre i tempi morti, visto che ci sarà la diretta della Rai e vogliamo fare bella figura. Giovedì mattina (oggi, ndr), il campo verrà forato in modo tale da far penetrare meglio l’acqua durante gli innaffiamenti. Poi, in realtà, la pista verrà bagnata tutti i giorni, fino a domenica, perché queste elevate temperature ci obbligano a mantenerla umida. Sono sicuro che sarà una bella giostra, visto che tutti i cavalieri sono migliorati rispetto all’edizione in notturna". Il responsabile, poi, spiega come è intervenuto per migliorare il terreno dopo le polemiche di giugno. "L’idea vincente è stata quella di allestire il cosiddetto ‘tessuto non tessuto’ – continua Colavita –. Questo, infatti, consente di creare più grip, mantenendo l’umidità e favorendo un maggior attrito, considerando il fatto che la sabbia si muove di meno".

Colavita, infine, parla anche del suo futuro, aprendo alla possibilità di mantenere questo incarico anche per i prossimi anni. "Venni contattato per sopperire alle dimissioni di Celani e per portare a termine le due Quintane di quest’anno – rivela il tecnico della Fise –. Sono stato accolto bene sia dal consiglio degli anziani che dai sestieri, devo dire che sono felice per questo. Adesso pensiamo alla Quintana di domenica, poi parleremo del futuro".

Matteo Porfiri