Un luogo magico a Bologna dove ammirare la superluna di agosto

Consigli su dove osservare un plenilunio davvero speciale nella notte di martedì 1 agosto

La superluna dello Storione sarà visibile martedì 1 agosto anche a Bologna (foto di repertorio)

La superluna dello Storione sarà visibile martedì 1 agosto anche a Bologna (foto di repertorio)

Bologna, 31 luglio 2023 – La superluna sta per tornare, dopo quella di inizio luglio, il mese di agosto si aprirà con una Luna piena più grande del solito. Domani, martedì 1 agosto, il satellite della Terra aumenterà, apparentemente, di dimensione. Un fenomeno dovuto dalla posizione assunta dalla Luna piena che domani si troverà nel punto orbitale più vicino al nostro pianeta (perigeo), ovvero a soli 357 mila km dalla Terra.

La superluna dello Storione deriva il suo nome dai nativi americani. Così veniva chiamata in quanto in questo periodo dell’anno nei Grandi Laghi abbondavano gli storioni. In alternativa viene anche chiamata Luna del grano visto che il mese di agosto da tradizione si mietono i campi. 

Ma per questo mese lo spettacolo del plenilunio sarà addirittura doppio con una seconda superluna prevista per la sera del 31 agosto. Un evento decisamente raro, che si verifica in genere ogni due o tre anni. 

Approfondisci:

Superluna dello storione, quando vederla e perché si chiama così

Superluna dello storione, quando vederla e perché si chiama così

Dove osservare la Superluna a Bologna

Per vedere la Superluna dovrete cercare un luogo poco luminoso, impresa alquanto difficile in città. Ma senza allontanarsi troppo dal centro di Bologna ci sono diversi luoghi speciali in cui ammirare il cielo. Ovviamente la zona dei Colli Bolognesi ben si presta per osservare questo magico fenomeno. Da Casaglia a Paderno potrete trovare alcuni parchi e zone isolate per osservare la Superluna.

In particolare, il Parco Cavaioni, uno dei parchi più estesi della collina bolognese con i suoi 38 ettari, è un’ottima zona per fermarsi a guardare il cielo e ammirare lo spettacolo lunare. Il parco, con ingresso in via Cavaioni numero 3, oltre alle zone di bosco, offre infatti anche vasti prati in cui stendersi e guardare all’insù senza essere disturbati dall’inquinamento luminoso della città.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro