Arrestati un ladro e due pusher: tutti e tre picchiano gli agenti

Il primo aveva rubato una bici da 700 euro in zona universitaria, gli altri due si stavano scambiando droga al Dopolavoro ferroviario in Bolognina: si sono scagliati contro i poliziotti

Polizia in via  San Felice a Bologna, foto generica

Polizia in via San Felice a Bologna, foto generica

Bologna, 29 febbraio 2024 - Tre arresti e altrettanti poliziotti picchiati nel corso dei due distinti interventi, da parte di Volanti e Squadra mobile. Il primo a finire in manette è stato un venticinquenne della Guinea, già noto fin dal 2017 per reati legati allo spaccio e di resistenza a pubblico ufficiale.

L’arresto è avvenuto in zona universitaria: una pattuglia stava passando in via Petroni quando l’attenzione degli agenti è stata richiamata dalle urla di un uomo che gridava “al ladro”. La vittima, infatti, aveva appena visto il centrafricano rubare la sua bicicletta da 700 euro, montarci su e scappare.

I poliziotti si sono dunque messi all’inseguimento del 25enne, riuscendo infine a bloccarlo in via Mascarella. L’uomo, però, ha opposto una strenua resistenza all’arresto, colpendo gli agenti con calci e pugni. Alla fine, ammanettato a fatica, è stato arrestato per tentata rapina. Analoghe le reazioni dei due spacciatori nigeriani fermati dalla Squadra mobile a seguito di un appostamento al Dopolavoro ferroviario in Bolognina. I poliziotti, in servizio nella zona seguito delle numerose segnalazioni di spaccio e degrado, hanno notato, all’interno del chiosco presente nel Dlf, un nigeriano di trent’anni. Dopo pochi minuti, l’uomo è stato raggiunto da un connazionale di 36 anni in sella a una bici.

Gli agenti hanno quindi visto il primo che consegnava una dose all’altro, che se la infilava in bocca. Gli operatori hanno quindi atteso che il pusher in bici incontrasse il cliente: appena avvenuto lo scambio sono entrati in azione, tentando di fermare i due spacciatori. Che, per evitare il controllo, hanno aggredito gli agenti, addirittura lanciando loro contro la bicicletta. Sono stati comunque fermati: al seguito avevano 18 grammi di hashish, una dose ciascuno di cocaina e 5 grammi di marijuana. Uno dei poliziotti colpiti è dovuto ricorrere alle cure dell’ospedale, riportando cinque giorni di prognosi. Gravati da precedenti specifici, i nigeriani sono entrambi stati arrestati per spaccio e resistenza.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro