Aveva una vera coltivazione di cannabis in casa: serre, lampade e fertilizzanti. Arrestato operaio a Castel del Rio

L’uomo, 49 anni già note alle forze dell’ordine è accsato di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio

Bologna, 21 ottobre 2023 – Aveva in casa 66 piante di cannabis disposte in 4 serre da interno di varia metratura: una vera e propria coltivazione ‘professionale’ con tanto di strumenti digitali utilizzati per la misurazione dell’intensità della luce e del ph dell’acqua, aeratori, otto confezioni di fertilizzanti, tre umidificatori, 16 alimentatori e vario materiale utilizzato per l’essicazione.  E non mancava ovviamente tutto l’occorrente per suddividere il ‘raccolto’ e probabilmente distribuirlo ai suoi acquirenti  con tanto di bilancino di precisione.

Le serre per la coltivazione di cannabis trovate nella case dell'operaio 49enne arrestato dai carabinieri a Castel del Rio
Le serre per la coltivazione di cannabis trovate nella case dell'operaio 49enne arrestato dai carabinieri a Castel del Rio

E’ finito così in manette a Castel del Rio l’uomo, un operaio italiano 49enne, celibe e  già noto alle forze dell’ordine. Per lui le accuse sono quelle di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

L’uomo, è caduto nella rete dei controlli dei carabinieri che già da tempo lo tenevano sott’occhio: sono stati i militari dell’Arma infatti a bussare alla sua porta, giovedì mattina, informandolo del motivo della loro “visita”: la perquisizione domiciliare.

Da qui, la ‘stupefacente’ scoperta: nell’abitazione dell’uomo è infatti sbucato tutto il necessario per il confezionamento e la coltivazione dello stupefacente. L’uomo è stato quindi messo ai domiciliari in attesa del processo con rito direttissimo. 

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp del Carlino clicca qui

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro