Epifania a Bologna, i Re Magi sfilano in centro sotto la pioggia. Zuppi: “Il 2024 deve essere un anno di pace”

La magia del presepe vivente nonostante il maltempo, l’arcivescovo: “Impossibile non pensare ai Gesù bambino che in Ucraina sono al freddo e al gelo”. La vicesindaca Clancy: “Essere qui insieme è un segno di speranza”

Bologna, 6 gennaio 2024 –  La pioggia sposta l'arrivo dei Re Magi dal sagrato della Basilica di San Petronio al suo interno.

A riceverli ci sono il cardinale Matteo Zuppi e la vicesindaca Emily Clancy, che all'interno di questo presepe vivente danno le coordinate ai bolognesi su come vivere questo 2024.

Presepe vivente e Re Magi sfilano in centro a Bologna, poi la benedizione dell'arcivescovo Matteo Zuppi nel giorno dell'Epifania, a Bologna (FotoSchicchi)
Presepe vivente e Re Magi sfilano in centro a Bologna, poi la benedizione dell'arcivescovo Matteo Zuppi nel giorno dell'Epifania, a Bologna (FotoSchicchi)

"In questo momento è impossibile non pensare - sono le parole dell'arcivescovo - ai Gesù Bambino che in Ucraina sono al freddo e al gelo. La vita è una lotta e in alcuni cosa è una lotta per la sopravvivenza. Gesù scappava da Erode che voleva farlo secco. Loro non possono neppure scappare ecco perché questo 2024 deve essere un anno all'insegna della pace a partire da quello che ognuno di noi può fare".

Sulla stessa lunghezza d'onda l'intervento della vicesindaca: "E' davvero difficile aggiungere qualcosa agli auguri che Zuppi ci ha fatto. Io posso dire che in questo giorno in cui finiscono le feste il nostro essere qui insieme come comunità è un segno di speranza per arrivare alla pace".

Organizzato dal comitato per le manifestazioni petroniane, a causa della pioggia il consueto corteo dell'Epifania non si è potuto tenere: i Re Magi sono arrivati in pullman vicino a piazza Maggiore.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro