Gambizzato in via Marco Polo, arrestato un 31enne per lesioni personali aggravate

La sparatoria era avvenuta la notte del 22 ottobre di fronte al distributore di benzina. La vittima, operato nella notte stessa, ha 44 anni. Ancora ignoti i motivi dell’aggressione armata

A sinistra i palazzone abbandonato di fronte al luogo dell'agguato (a destra)

A sinistra i palazzone abbandonato di fronte al luogo dell'agguato (a destra)

Bologna, 28 febbraio 2024 – Nella notte del 22 ottobre scorso, di fronte a un distributore di benzina di via Marco Polo, aveva gambizzato un marocchino di 44 anni. L’autore dell’aggressione, un 31enne albanese, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia Bologna centro che, a seguito di indagini complesse anche a causa della poca collaborazione di alcuni testimoni, sono riusciti a identificarlo: è indagato per lesioni personali aggravate e porto in luogo pubblico di arma comune da sparo, aggravato poiché commesso da più persone riunite.

L’arresto è scaturito a seguito di un’ordinanza applicativa di misure cautelari richiesta dalla Procura che ha coordinato le indagini dei militari dell’Arma, dopo i fatti accaduti poco dopo la mezzanotte del 22 ottobre scorso, quando un 44enne marocchino era stato soccorso dai sanitari del 118 a seguito di una ferita d’arma da fuoco alla gamba sinistra, provocata da soggetti ignoti che lo avevano aggredito all’altezza di un distributore di benzina in via Marco Polo, dove si stava festeggiando un compleanno presso un esercizio pubblico della zona.

La notizia, divenuta di dominio pubblico, aveva suscitato molta preoccupazione tra gli abitanti del quartiere Navile. Ricoverato d’urgenza e sottoposto a un intervento chirurgico finalizzato alla rimozione del proiettile e alla sistemazione della mandibola colpita da un pugno che gli era stato sferrato durante l’aggressione, il 44enne era stato dimesso con una prognosi di una ventina di giorni.

Grazie alle testimonianze raccolte e ad altre prove acquisite durante le indagini, i carabinieri sono riusciti a risalire all’identità di uno dei presunti autori del reato, identificandolo nel 31enne albanese. Il proiettile estratto dall’arto del 44enne è stato inviato al Ris di Parma. Rintracciato dai carabinieri nella sua abitazione nel Quartiere Borgo Panigale-Reno, il 31enne, gravato da precedenti di polizia e già sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa, è stato arrestato e sottoposto alla custodia cautelare in carcere.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro