Garisenda, primi container nel cantiere. Cinque milioni dalla Regione, Confesercenti: troppi 10 anni di lavori

Nei prossimi giorni il montaggio dei primi due moduli, a cui farà seguito l’arrivo di altri per creare una barriera anti-crollo. L’associazione di categoria: servono ristori adeguati. Donazioni, 100mila euro da Macron: l’azienda produttrice di abbigliamento sportivo farà anche una maglietta

Bologna, 7 dicembre 2023 – Due container rossi della ditta Fagioli, non ancora montati, sono già visibili all'interno del cantiere della Garisenda. Sono i primi due grossi 'mattoni' stile Lego che verranno utilizzati come barriera di protezione anti-crollo, il loro montaggio è previsto in questi giorni assieme all'arrivo degli altri grossi moduli rossi.

Il cantiere della Garisenda e i primi due blocchi della ditta Fagioli per fare il recinto di protezione
Il cantiere della Garisenda e i primi due blocchi della ditta Fagioli per fare il recinto di protezione

Stamattina, a salutare gli operai al lavoro che stanno fissando i micropali di sostegno, è arrivato il sindaco Matteo Lepore, verso le 8. "Speriamo che i lavori durino meno dei 10 anni previsti - ha detto Lepore -, adesso avanti con la raccolta fondi, oggi altre novità e aspettiamo un nel contributo da parte della Regione".

Tanti studenti e cittadini con il naso all'insù da stamattina, alcuni sbirciano dalle reti da cantiere attirati dal rumore dei martelli pneumatici.

Il cantiere della Garisenda
Il cantiere della Garisenda

Il contributo della Regione

''La Regione Emilia-Romagna è pronta a collaborare con il Comune di Bologna per salvare la Garisenda e metterà a disposizione 5 milioni di euro per i necessari lavori di consolidamento sismico e strutturale della torre'', è l’annuncio del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e dell'assessore regionale a Cultura e Paesaggio, Mauro Felicori.

Confesercenti e la durata dei lavori

Dieci anni di lavori per la Garisenda "sono davvero esagerati. Ci avevano detto che sarebbero stati solo quattro". I vertici di Confesercenti Bologna protestano per le tempistiche ipotizzate per il recupero della torre malata.

“È sopportabile un blocco per 10 anni di tutte le attività di negozi e botteghe, bar e ristoranti, pub e locali della notte che insistono nel quadrilatero compreso tra Strada Maggiore e le vie Irnerio e Oberdan? Ci si è resi conto dei rischi di degrado cui va incontro questa zona?". Per questo, insiste l'associazione di categoria, "altro che sgravi fiscali. Con un cantiere aperto per 10 anni attorno alla Garisenda ci vogliono ristori adeguati”.

L’iniziativa di Macron per la Torre malata

Centomila euro "già bonificati" al Comune e una maglietta, al costo di 29 euro, il cui ricavato della vendita andrà a sostenere il mega progetto di restauro. L'azienda Macron, tra le altre cose sponsor tecnico del Bologna calcio, ha presentato in Comune la sua iniziativa per sorreggere economicamente la grande malata.

"Le Due Torri sono un simbolo per Bologna, siamo molto felici di poter donare per questa causa - ha detto Gianluca Pavanello, ad di Macron -, siamo un'azienda sana che affonda le sue radici in un territorio sano. Per ora abbiamo bonificato i primi 100mila euro, poi per il 2024 metteremo a budget probabilmente qualcos'altro. Le Due Torri disegnate anche sulla maglietta del Bologna? È una suggestione, perché no, vedremo in futuro".

Con Pavanello il sindaco Matteo Lepore. "Siamo molto soddisfatti delle donazioni dei privati, che sono fondamentali - ha spiegato Lepore -. Siamo arrivati a 1 milione e mezzo di euro, puntiamo ai 3 milioni, un bel contributo arriverà anche dalla Regione. Speriamo di metterci meno di sei mesi per mettere su la gabbia del restauro, vogliamo fare in fretta, intanto l'attenzione nazionale e internazionale che si è creata attorno alla Torre è molto importante, sarò intervistato anche dalla tv di Stato cinese". Il Comune la settimana prossima farà partire un sito legato al restauro della Garisenda sul quale ci sarà un sistema che permetterà di donare direttamente ai cittadini.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro