La poesia del quotidiano: Masotti nella cripta di San Zama

L’esposizione ’A single moment’ nella suggestiva location di via dell’Abbadia. Immersione nelle fotografie sulle note di Ezio Bosso

La poesia del quotidiano: Masotti nella cripta di San Zama

La poesia del quotidiano: Masotti nella cripta di San Zama

In una città satura di eventi dedicati all’arte organizzati per ArtCity, si distingue una mostra fotografica che assomiglia quasi a un angolo di pace e intimità tutto da scoprire. Aprendo una tenda preziosa che dà l’avvio al percorso espositivo, si scorge un gioiello architettonico risalente all’XI secolo, normalmente accessibile su appuntamento o durante le visite guidate organizzate dall’Associazione Succede Solo a Bologna. Si tratta della Cripta di San Zama, ubicata nei sotterranei dell’ancora attiva Abbadia dei Santissimi Naborre e Felice (via dell’Abbadia 3), in cui furono inumati tutti i vescovi della diocesi bolognese fino all’VIII-IX secolo (ad eccezione di San Petronio).

In questo contesto affascinante si inserisce A single moment, la prima personale della fotografa bolognese Anna Caterina Masotti, organizzata in collaborazione con l’art manager Laura Frasca e a cura di Alessia Locatelli. Fino a domenica si potranno ammirare una trentina di opere in bianco e nero da concepire come gemme incastonate in un ambiente immersivo costituito da interventi di videomapping e da un sottofondo musicale ideato dalla stessa protagonista della mostra. Sul finale musicale si riconosce anche una melodia di Ezio Bosso, in quanto amico fraterno di Masotti, nonché figura che, poco prima della sua scomparsa, l’ha spronata ad avviare una carriera nel mondo dell’arte. In esposizione fotografie come testimonianze di un’esistenza – quella di Masotti – catturata in piccoli istanti del quotidiano, fatto di paesaggi naturalistici e situazioni familiari in cui tutti possono ritrovarsi. Non a caso, il tema principale di A single moment è proprio l’istante, da intendere come seme che ha dato i germogli all’intera personale. A rendere un po’ ’speciali’ le sue opere, la stampa su stoffa chiffon e ricamata a mano, in omaggio sia alla nonna Ada Masotti (fondatrice dell’azienda La Perla), sia alla mamma Olga (stilista).

Manuela Valentini

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro