Terrore sull’autobus: minacciano l’autista che scappa dal finestrino

Controlli intensificati sulla linea tra Bologna e Monghidoro: in un’altra occasione un passeggero era stato visto con a bordo una pistola. Quattro denunciati

Minaccia autista del bus che scappa dal finestrino: sul mezzo pubblico sono dovuti intervenire i carabinieri (foto di repertorio)

Minaccia autista del bus che scappa dal finestrino: sul mezzo pubblico sono dovuti intervenire i carabinieri (foto di repertorio)

Monghidoro, 29 aprile 2024 - La linea dei bus tra Bologna, Monterenzio, Loiano e Monghidoro è finita sotto la lente dei carabinieri per tutelare la sicurezza dei cittadini e degli autisti dei mezzi. L'intensificazione dei controlli è dovuta ad alcuni episodi che hanno interessato queste linee nelle scorse settimane.

“Ti ammazzo a coltellate”

In particolare, nei giorni scorsi i carabinieri sono intervenuti per bloccare due uomini, un ventiseienne e un ventisettenne, entrambi nigeriani, denunciati per attentato alla sicurezza dei trasporti, interruzione di pubblico servizio e minaccia a incaricato di pubblico servizio. I due ragazzi si trovavano a bordo del bus quando si sono accorti che la corriera non avrebbe fermato in una località dove loro pensavano di poter arrivare. Questo li aveva infastiditi al punto che si erano alzati e avevano iniziato a minacciare di morte l’autista, un quarantaseienne italiano, dicendogli che lo avrebbero accoltellato.

Non soddisfatti delle minacce, avevano tentato di entrare nella cabina di guida, allungando le mani verso il conducente, ma senza afferrarlo, grazie alla cellula di sicurezza che lo separa parzialmente dai passeggeri. La vittima, spaventata dall’atteggiamento sempre più aggressivo così come gli altri passeggeri, ha fermato il bus, ha aperto le porte ed è uscito calandosi dal finestrino, allontanandosi dal mezzo per attendere l’arrivo dei carabinieri e informarli dell’accaduto.

Sigaretta tra i passeggeri

In un’altra circostanza, i carabinieri hanno denunciato un minorenne, che stando al racconto dei testimoni si sarebbe acceso una sigaretta sul bus, costringendo l’autista, un trentaduenne italiano, a interrompere il servizio e a chiamare i sanitari del 118 perché una passeggera asmatica non riusciva a respirare e si era sentita male. 

Pistola a bordo

Infine, di recente i militari dell'Arma sono intervenuti a seguito di una segnalazione per rintracciare un passeggero di un bus che era stato visto a bordo del mezzo armato di pistola. Rintracciato nelle vicinanze di una fermata di Pianoro e rincorso dopo una fuga che aveva intrapreso alla vista dei militari, il giovane, un diciannovenne italiano, è stato perquisito con i militari dell'Arma che hanno esteso i controlli anche alla sua abitazione. In questo modo i carabinieri hanno trovato alcuni grammi di hashish, un bilancino di precisione, 16 cartucce a salve, 4 cartucce vere per pistole di calibri differenti e un coltello. Il giovane è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi.