Fiorentina Bologna biglietti: stop ai tifosi, non si va oltre i 2.500 rossoblù

Verso domenica: le Questure bloccano l’intesa Fenucci-Barone, non saranno in vendita ulteriori tagliandi. Al Franchi torna a disposizione De Silvestri

Fiorentina Bologna: non ci saranno altri biglietti per i tifosi rossoblù (foto Schicchi)

Fiorentina Bologna: non ci saranno altri biglietti per i tifosi rossoblù (foto Schicchi)

I contatti tra Claudio Fenucci e Joe Barone hanno dato i frutti sperati, ovvero hanno prodotto la disponibilità del club viola a mettere a disposizione altri biglietti per la tifoseria rossoblù, una volta bruciati i 2.500 a dispozione per il settore ospiti.

Approfondisci:

Orsonaldo tra Nazionale e Fiorentina. Vuole l’azzurro, ma prima c’è la Viola

Orsonaldo tra Nazionale e Fiorentina. Vuole l’azzurro, ma prima c’è la Viola

Ma da Bologna non potranno arrivare altri supporter, oltre alla quota annunciata. Al dialogo tra Fiorentina e Bologna ha fatto seguito un confronto tra le Questure delle due piazze, che ha partorito la scelta di non cambiare le carte in tavola: ergo, trasferta accessibile solo ai residenti in Emilia Romagna con tessera del tifoso e biglietto nel settore ospiti, non altri, per motivo di ordine pubblico.

La scelta è dettata dai rapporti tesi tra le due tifoserie, che renderebbe complesso la sicurezza con tifosi mischiati e la recente alluvione fa sì che non si possa incrementare il servizio d’ordine oltre la consuetudine.

Non ci saranno biglietti in più a disposizione dei tifosi del Bologna, nonostante il tentativo di favorire un esodo maggiore da parte dei propri tifosi da parte dei vertici del club.

A Firenze ci sarà invece l’ex Lorenzo De Silvestri, che ieri ha lavorato a parte, per poi concedersi un bagno di folla insieme con Kevin Bonifazi al Macron Store di Galleria Cavour, per fotografie e autografi ai tifosi. 

Oggi è previsto il rientro in gruppo a pieno regime del capitano, che torna così a disposizione dopo il guaio alla coscia che lo ha costretto al cambio a Reggio Emilia, contro il Sassuolo, e a saltare poi Verona (in Coppa Italia) e Lazio, restituendo la maglia da titolare sulla corsia destra di difesa a Stefan Posch.

Sarà probabilmente l’austriaco a partire dal primo minuto anche a Firenze, con Motta che potrebbe confermare l’undici schierato con la Lazio, dando fiducia a Beukema e Calafiori al centro e Lykogiannis sulla fascia sinistra, ad Aebischer e Freuler in mediana e a Orsolini, Ferguson, che è stato convocato dalla Scozia, già qualificata per l’Europeo 2024, per le sfide contro Georgia e Norvegia) e Saelemaekers a supporto di Zirkzee in attacco.

Di fatto, con l’eccezione di Beukema (che era infortunato), sarebbe pure la conferma della squadra schierata con Sassuolo e Frosinone, quando però De Silvestri era titolare al posto dell’infortunato Posch. Se le scelte troveranno conferma, significherebbe che Thiago ha trovato l’undici titolare a cui dare continuità, anche se Kristiansen e Ndoye scalpitano per ritrovare posto e minuti sulle fasce di difesa e attacco.

Resta in infermeria il solo El Azzouzi, oltre al lungodegente Soumaoro: il centrocampista rientrerà con il Torino dopo la sosta, che scatterà al triplice fischio di Fiorentina-Bologna.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro

Continua a leggere tutte le notizie di sport su