Il Bologna tra Az Alkmaar e mercato

Domani test alle 17 contro gli olandesi. Su Dominguez c’è la Fiorentina. E attenzione al Milan il 21 agosto al Dall’Ara. Per le ali Ndoye e Sallai servono 20 milioni

Ultima amichevole, in terra d’Olanda, per il Bologna che poi farà ritorno a Casteldebole, per cominciare a pensare alla Coppa Italia e all’esordio in campionato, fissato per il 21 agosto, al Dall’Ara, contro il rinnovatissimo Milan. Un test atteso con una certa trepidazione. Non tanto perché l’Az Alkmaar faccia paura (anche se si tratta di un club cresciuto molto a livello internazionale), ma per scoprire cosa dirà Thiago Motta dopo il test. Le prime parole di Thiago, in terra d’Olanda, dopo la sfida con l’Utrecht hanno lasciato il segno. Tra chi pensa che abbia ragione – “non siamo competitivi in questo momento” – e chi invece ipotizza un commento un tantino esagerato. Sia come sia, il tecnico ha fatto conoscere il proprio pensiero e a Casteldebole, dopo le frizioni dell’ultima di campionato (trasferta a Lecce), sono previsti quantomeno dialoghi tra l’allenatore e chi si occupa di conti e di mercato, ovvero Fenucci, Sartori e Di Vaio. Proprio il mercato è al centro delle questioni rossoblù. Per Schouten ci sono offerte dall’Olanda (Psv), per Dominguez è pronta a farsi viva la Fiorentina (e attenzione al Milan, se Krunic dovesse scegliere il Fenerbahce). Ci sono in ballo soldi (virtuali) per fare cassa e trovare quei 20 milioni che servirebbero al Bologna per dare a Thiago gli esterni offensivi che tanto desidera. Ovvero Dan Ndoye (22 anni) e Roland Sallai (26). Giubilato e spinto sulla porta di uscita Musa Barrow (non sarà facile piazzarlo, come non sarà semplice trovare una sistemazione per Van Hooijdonk e Vignato che non hanno avuto una passerella adeguata), il Bologna aspetta Orsolini. Ma Riccardo non s’è mai allenato e l’attesa potrebbe protrarsi. L’unica nota veramente positiva è il recupero di Stephan Posch: il suo infortunio alla mano è recuperabile senza intervento. Questo significa ridurre i tempi di attesa. Thiago riavrà quantomeno il suo terzino destro.