Centro diurno per curare le dipendenze. Approvato dalla giunta il protocollo d’intesa

Accoglienza per i giovani in difficoltà, sia prima di un percorso terapeutico che per il reinserimento.

Centro diurno per curare le dipendenze. Approvato dalla giunta il protocollo d’intesa

Accoglienza per i giovani in difficoltà, sia prima di un percorso terapeutico che per il reinserimento.

Approvato dalla Giunta comunale di Porto San Giorgio il rinnovo del protocollo d’intesa per la gestione integrata del centro diurno di accoglienza per le dipendenze patologiche anno 2024. La Giunta prende atto che il Centro Diurno di accoglienza per le persone in stato di dipendenza patologica, sito a Porto San Giorgio in Via S.S.81 n.78, gestito in accordo tra il Servizio Territoriale delle Dipendenze Patologiche (Stdp) dell’Ast di Fermo, il Comune di Fermo e il Comune di Porto San Giorgio fin dal 1993, è una struttura intermedia tra i servizi a bassa soglia e le comunità terapeutiche residenziali e offre risposte e stimoli a giovani ancora coinvolti nella dipendenza, ma bisognosi di una nuova identità ed in cerca di una progettualità positiva". Il servizio è dunque mirato a dare un aiuto ai giovani affetti da dipendenza che vogliono affrontare il problema della loro condizione rimanendo nel proprio contesto di vita; sostenere e verificare le motivazioni dei dipendenti che sono in lista di attesa per l’ingresso in comunità terapeutica; permettere una verifica sul territorio del reinserimento sociale durante e dopo un percorso terapeutico in comunità.

Il modello operativo del servizi - l’avvio del programma terapeutico individuale nell’ambito del contesto territoriale di appartenenza, con la possibilità di permanenza delle relazioni significative, da rielaborare sulla base di una fondata e reale motivazione ad uscire dalla dipendenza; un ruolo attivo di programmazione e collaborazione dei servizi pubblici istituzionalmente preposti (Stdp), Servizi Sociali degli enti locali, l’apertura al territorio, realizzata anche attraverso l’attività formativa e produttiva del centro stampa; di dare atto che l’onere a carico del bilancio comunale è pari a 10.000,00 euro"