La carica dei tremila visitatori. Il successo delle Giornate Fai

Riuscita resa possibile grazie agli apprendisti Ciceroni degli istituti secondari e ai volontari .

La carica dei tremila visitatori. Il successo delle Giornate Fai

Delegazione del Fai davanti a Palazzo Mannocchi

Un grande successo di pubblico e visite per un’edizione che ha messo al centro del suo interesse l’arte e, soprattutto, la persona dietro l’ispirazione artistica. Si è conclusa con i migliori risultati la 32esima edizione delle Giornate Fai di Primavera, la manifestazione organizzata dal Fondo Ambiente Italiano il 23 e 24 marzo, caratterizzata dall’apertura eccezionale di beni privati di norma preclusi dalla possibilità di essere visitati da turisti e cittadini. Oltre tremila visitatori provenienti da diverse regioni, in fila già da prima dell’orario di apertura, hanno partecipato alle visite che hanno interessato dimore e strutture private tra Fermo e il territorio provinciale: Villa Bernetti e Villa Salvadori a Fermo, Villa Bonaparte a Porto San Giorgio, Palazzo Mannocchi a Petritoli e la centrale idroelettrica di Pedaso sono così state letteralmente prese d’assalto da visitatori curiosi e attenti, guidati durante la visita dai duecento Apprendisti Ciceroni degli istituti secondari della città e del suo circondario, coordinati dalla Delegata Fai alla scuola Matilde Coccia. Al loro fianco, cinquanta volontari Fai appositamente formati e presenti durante l’intero evento hanno completato il quadro di un weekend all’insegna della bellezza e della scoperta dei piccoli grandi tesori della nostra terra. "Due giorni di meraviglia – raccontanto gli organizzatori –, resa possibile innanzitutto grazie alla disponibilità e alle gentilezza dei proprietari delle dimore in mostra: Giovanni e Tommaso Lussu, Massimo e Giovanni Campofiloni per la residenza di Joyce Lusso all’interno di Villa Salvatori a Fermo; Elisa Dondero e Laura Strappa, unitamente alla Fototeca Provinciale, per l’apertura della casa appartenuta al grande fotografo milanese Mario Dondero, che aveva scelto Fermo per le sue vacanze estive; per Villa Bernetti in zona Montone, il ringraziamento va a Carla Sterbini Marcatili mentre per l’apertura di Palazzo Mannocchi a Petritoli il grazie va all’assessore al turismo Marco Vesprini, che si è adoperato assieme a tutta l’amministrazione comunale per stipulare convenzioni con gli esercizi commerciali del centro storico. Passando per Villa Bonaparte, aperta per la gentile concessione dell’hotel Timone, va ringraziata infine la società Enel Green Power, nella persona dell’ingegner Mariano Marini, per aver aperto le porte della centrale idroelettrica di Pedaso. In un’edizione che ha mobilitato tante figure – tanto private quanto istituzionali - e ha ottenuto un importante successo in termini di visite e presenze, un ringraziamento va alla città di Fermo per la convenzione con i Musei cittadini e ai dirigenti scolastici, ai docenti e agli allievi del Liceo Classico e delle Scienze Umane “A. Caro”, del Liceo Scientifico “T. Calzecchi Onesti”, del Liceo Artistico “U. Preziotti - O. Licini”, dell’Istituto Tecnico Industriale “G. e M. Montani” e del Liceo Scientifico “C. Urbani”".