Sgds, la minoranza chiede lumi

Sentenza del Tribunale di Fermo dichiara illegittima la nomina di Piero Mognaschi come direttore generale della SGDS. Consiglieri comunali chiedono agli enti interpellati di accertare se ci siano conseguenze patrimoniali a carico della SGDS.

Sgds, la minoranza chiede lumi
Sgds, la minoranza chiede lumi

"Alla data odierna la sentenza non risulta eseguita, in quanto il dottor Piero Mognaschi continua a svolgere le proprie funzioni come direttore generale della società". E’ quanto scrivono i consiglieri comunali di minoranza in un’interrogazione al sindaco e all’organo di controllo della partecipata SGDS, con riferimento alla sentenza con cui il Tribunale di Fermo ha accolto il ricorso di Emilio Cuomo avverso la nomina effettuata di Piero Mognaschi direttore della SGDS a seguito di un concorso. La sentenza definisce illegittima la nomina di Mognaschi, accerta il diritto di Emilio Cuomo all’attribuzione di tale carica, condanna la SGDS a porre in essere tutti gli adempimenti necessari per rendere effettiva la nomina di Cuomo a direttore generale. Gli interroganti chiedono agli enti interpellati di accertare se alla mancata esecuzione della sentenza del tribunale non derivino conseguenze, anche patrimoniali a carico della SGDS Multiservizi e, quindi anche nei confronti del Comune in relazione a: mancata assunzione dottor Cuomo; protrarsi del risarcimento del danno, allo stesso dovuto non essendo intervenuta alcuna assegnazione dell’incarico; validità ed efficacia degli atti assunti ed adottati dal direttore generale la cui nomina è stata dichiarata illegittima, conseguenze anche risarcitorie dalla assunzione di atti verso terzi che si rivelino poi del tutto nulli ed inesistenti; validità ed efficacia dell’adozione di atti che comportano assunzioni di impegni di spesa a carico della stessa SRGS"