Anselmo sui Baluardi. Le sfide dell’avvocato: "Unife, lavoro e cultura . Stop alle bugie di Fabbri"

Il candidato di centrosinistra inizia la campagna sulle note di Vecchioni "Questa zona ha problemi di sicurezza. Focus su agricoltura e polo chimico". E al pranzo al centro sociale di Pontelagoscuro spunta il presidente Bonaccini. .

Anselmo sui Baluardi. Le sfide dell’avvocato: "Unife, lavoro e cultura . Stop alle bugie di Fabbri"

Anselmo sui Baluardi. Le sfide dell’avvocato: "Unife, lavoro e cultura . Stop alle bugie di Fabbri"

All’Apollo c’erano gli U2. Ieri le note che hanno accompagnato il candidato di centrosinistra Fabio Anselmo al suo ingresso erano quelle di Roberto Vecchioni. Sogna ragazzo sogna. Il palcoscenico è il sottomura di via Baluardi. I militanti si assiepano sotto le bandiere dei partiti che colorano il pubblico che lo chiama e lo invoca. "Anselmo sindaco", si legge su qualche cartello. Lui corrisponde, rispolverando la provocazione dell’Apollo. "Fabbri – dice lo sfidante – dovrebbe spiegare qual è il ruolo della Lega per la sua campagna elettorale. Ha detto che i diritti umani non sono appannaggio del centrosinistra, ma se la sua idea di diritti umani è quella di Salvini che inneggia a Putin, è molto diversa dalla mia. Anche la sua lista è un ologramma". Parte il primo applauso. Anselmo sa che è il momento di iniziare a parlare di temi. "Saranno quattro i pilastri della mia campagna elettorale – spiega – . Università, Polo Chimico, agricoltura e cultura". Tradotti, significano "lavoro, occupazione, rispetto dei diritti umani e benessere". Che non significa "ubriacarsi alle feste ’frizi e magna’ finanziate con i soldi pubblici di Amsef che finiscono nelle casse di un’azienda privata". Quello del "depauperamento del Comune" è un tema ricorrente. Tra l’altro, a proposito di Comune, Anselmo fa suo l’appello di Marco Blanzieri (Cgil) "che ha denunciato gravi forme di pressing sui dipendenti pubblici". Richiama alla vertenza dei confederali in Hera e critica l’utilizzo del taser da parte della polizia locale. Lo stato maggiore del Pd è al completo e incassa gli applausi come le critiche "per gli errori compiuti nel 2019 quando sono stati negati alcuni problemi che invece c’erano e quando i territori sono stati abbandonati a loro stessi". Ci sono i segretari dem, Alessandro Talmelli e Nicola Minarelli, l’assessore regionale al Bilancio, Paolo Calvano, la consigliera Marcella Zappaterra, il capogruppo Francesco Colaiacovo, molti consiglieri uscenti (alcuni ricandidati). A completare il parterre anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini che raggiunge i militanti radunati al centro sociale di Pontelagoscuro. Diversi anche gli esponenti pentastellati, a partire da Paride Guidetti. Sventolano le bandiere di Azione e quelle ’civiche’. Anna Ferraresi è in prima fila e tra l’altro viene citata spesso da Anselmo durante il suo discorso. Proprio la bocciatura di una mozione della capogruppo del Misto serve allo sfidante di Fabbri per motivare la scelta del luogo in cui è stato realizzato l’evento di ieri. "Via Baluardi – così Anselmo – è un punto della città molto problematico. Eppure quando il problema è stato sollevato dalla consigliera Ferraresi, la mozione è stata bocciata. Significa che i cittadini di queste zone hanno meno diritti rispetto a quelli del Gad". Posto che i problemi al Gad "non si risolvono con le cancellate".

I due cittadini che inframmezzano l’intervento del candidato sindaco descrivono una situazione piuttosto critica sotto il profilo della sicurezza, tra Baluardi e via Mayr. "Movida selvaggia, spaccio, confusione fino a tarda ora e difficoltà a trovare parcheggi riservati ai residenti". L’obiettivo di Anselmo, alla luce di questo, è molto chiaro: "Dobbiamo scardinare la falsa narrativa della giunta – chiude –. Ho paura del fuoco amico, la rabbia è il motore che mi fa andare avanti. Non abbandonatemi, ce la possiamo fare".