Corpi, musica dal vivo e poesie. Così si alza il sipario su Totem

Sul palco Otherside collective, gruppo di artisti provenienti da Polonia, Grecia, Italia, . Stati Uniti e Svizzera.

Corpi, musica dal vivo e poesie. Così si alza il sipario su Totem
Corpi, musica dal vivo e poesie. Così si alza il sipario su Totem

Sabato ad aprire la terza parte dell’XI edizione di Totem sarà Otherside collective, un gruppo di artiste e artisti provenienti da Polonia, Grecia, Italia, Stati Uniti e Svizzera, che creano performance interdisciplinari partendo da un background di danza e musica, dando vita a composizioni improvvisate utilizzando corpo, musica dal vivo, voce e immaginazione poetica.

Il collettivo condividerà la propria esperienza quinquennale attraverso il workshop "Creare con il corpo e comporre collettivamente" che si terrà al Teatro Julio Cortazar di Pontelagoscuro dalle 14 alle 17, a seguire alle 19 si esibiranno in una performance dal titolo ’Spiragli _ one range horizon’, interpretata da Susanna Grob, Sarah Chien, Agata Gregorkiewitz, Vassiliky Angelidou, Francesca Caselli, Sokratis Votskos e Alessio Bettoli, con luci di Franco Campioni. L’appuntamento successivo sarà venerdì 23 febbraio alle 19 con lo spettacolo ’Quel che resta’, produzione del Teatro dei Venti di Modena con il Gruppo l’Albatro nell’ambito del progetto regionale Teatro e Salute Mentale. Liberamente ispirato al romanzo L’isola dei senza memoria di Yōko Ogawa con Luca Bartoli, Sara Camellini, Antonio Congedo, Giulio Ferrari, Gilberto Gibellini, Francesca Nardulli, Maria Chiara Papazzoni, Marcello Padovani, Cesare Trebeschi, Patrizia Vannini; voce fuori campo Massimo Don; regia Oxana Casolari, Danilo Faiulo e Francesca Figini; drammaturgia di Stefano Tè e Damiana Guerra. Si prosegue il primo marzo sempre alle 19 con ’L’anniversario reloaded’ di Gianluca d’Agostino, con Agostino Chiummariello e Gianluca d’Agostino, aiuto regia Rossella Amato. Un uomo passa davanti allo specchio e vede un’immagine di sé stesso che non riconosce. Inizia un viaggio a ritroso nel tempo, per capire come e quando è diventato la persona che vede riflessa. Il 7 marzo si terrà l’ultimo appuntamento dell’XI edizione del festival con una matinée per le scuole del territorio e aperta a tutti, della compagnia laziale Teatro Potlach.

Lo spettacolo intitolato ‘Il Mago del Grano’ è diretto e interpretato da Nathalie Mentha; scritto da Pino Di Buduo e Irene Rossi; liberamente ispirato all’omonimo libro di Roberto Lorenzetti. Tutti gli eventi si svolgeranno al Teatro Julio Cortazar (via della Ricostruzione, 40 - Pontelagoscuro). Ingresso libero con prenotazione consigliata all’indirizzo email totemsceneurbane@gmail.com. Per partecipare al workshop "Creare con il corpo e comporre collettivamente" di Otherside collective è necessaria la prenotazione alla mail totemsceneurbane@gmail.com. Maggiori informazioni sul sito www.totemsceneurbane.it