Gabrielli, una vita per lo Stato. Il sottosegretario in città con un libro sulla Concordia

L’evento domenica nel chiostro di San Paolo. Al centro il naufragio all’isola del Giglio . Berselli (Udc): "Una riflessione lucida sulla gesione delle emergenze". Bizzarri: "Un esempio".

Gabrielli, una vita per lo Stato. Il sottosegretario in città  con un libro sulla Concordia

Da sinistra Alessandro Berselli e Riccardo Bizzarri con la locandina dell’evento

Dieci anni fa, il 13 gennaio 2012, la nave Costa Concordia naufragava al largo dell’isola del Giglio, causando 32 vittime. A coordinare le complesse operazioni di salvataggio e recupero del relitto fu Franco Gabrielli, all’epoca capo del dipartimento della Protezione civile, per l’occasione nominato commissario delegato dal governo. Domenica, lo stesso Gabrielli racconterà a Ferrara quello che avvenne in quei difficili trenta mesi durante la presentazione del suo ultimo libro ‘Naufraghi e nuovi approdi’ edito da Baldini Castoldi, nel chiostro di San Paolo dalle 10. L’evento è stato presentato ieri da Riccardo Bizzarri, sindaco di Masi Torello e da Alessandro Berselli, ex consigliere comunale di Vigarano Mainarda, in carica nel 2014 quando su sua proposta, a Gabrielli fu conferita la cittadinanza onoraria. "Con il prefetto Gabrielli - spiega Berselli – vogliamo fare una riflessione lucida e necessaria su un tema oggi più che mai attuale, quello della gestione delle emergenze nel nostro paese e del ruolo della Protezione civile, che riporta l’attenzione su uno scenario destinato, nonostante la politica delle buone intenzioni, a ripetersi in forme sempre uguali e poco attente all’interesse della comunità".

"In un’epoca in cui il mondo è segnato da conflitti e tensioni geopolitiche il ruolo dei prefetti è fondamentale per garantire la sicurezza e la stabilità delle comunità locali – sottolinea il sindaco di Masi Torello – e la presenza a Ferrara dello Stato e l’esperienza di Gabrielli ci aiuterà a comprendere come rafforzare la collaborazione tra autorità locali e nazionali. Seguendo l’esempio delle nostre comunità dopo il terremoto del 2012 e delle operazioni che seguirono i soccorsi ai naufraghi della Concordia vogliamo fare nostro l’augurio, come scrive il prefetto Gabrielli, che a ogni naufragio segua la forza di reagire, facendo tesoro degli errori commessi e delle sconfitte patite". Franco Gabrielli è attualmente sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, autorità delegata per la sicurezza della Repubblica. Nella sua carriera ha ricoperto incarichi di vertice nel mondo della sicurezza nazionale e dell’intelligence. Entrato nella polizia di Stato nell’85, si è distinto per meriti straordinari arrivando a ricoprire, nel 2005, la posizione di direttore del Servizio centrale antiterrorismo e nel 2006 di direttore del Sisde. Nel novembre 2010, assume l’incarico di capo dipartimento della Protezione civile e si occupa delle emergenze legate al sisma nella pianura padana del 2012 nonché, in qualità di commissario delegato dal Governo, delle operazioni per il recupero e la messa in sicurezza della Costa Concordia. Nel 2015 è nominato prefetto di Roma e nel 2016 capo della Polizia e direttore generale della Pubblica sicurezza. Lauro Casoni