"I miei presepi artistici nelle mostre nazionali"

Federico Felloni, di Ostellato, è un appassionato apicoltore, strenuo difensore dell'ambiente e della biodiversità, che ama costruire presepi di rara bellezza. Trasmette questa tradizione ai più piccoli, donando parte del ricavato delle sue opere a persone meno fortunate.

"I miei presepi artistici nelle mostre nazionali"
"I miei presepi artistici nelle mostre nazionali"

Appassionato apicoltore, strenuo difensore dell’ambiente e della biodiversità, allenatore di calcio dei più piccoli, ma soprattutto innamorato del costruire presepi di rara bellezza e perfezione, nella ricostruzione di personaggi, ambienti e scene. E’ la storia di Federico Felloni, trentanovenne di Ostellato sposato con Irene che le ha donato Nicolò. "Un amore che mi è stata trasmesso dalla tradizione e papà Raffaele – dice – fin da giovanissimo, rimanendo affascinato da quella capacità di ricostruire paesaggi, disporvi i personaggi e creare rappresentazioni uniche. Un amore che sto provando trasmettere alle nuove generazioni cominciando proprio da mio figlio che ha solo otto anni". Una tradizione quella del presepe nata 800 anni fa a Greccio da San Francesco "che non deve - aggiunge - assolutamente essere abbandonata". Federico quando realizza un presepe "forse grazie anche al mio forte credo, trovo pace e armonia - prosegue - esponendolo ogni due anni presso il mio paese nativo realizzando una mostra nazionale. Lo stupore negli occhi di grandi e piccini nel vedere una mia opera o di cari amici presepisti da tutta Italia mi rende felicissimo". Non posa mai gesso, spatole, muschio, perché spiega che quando realizza un presepe, oltre a farlo sentire bene, sa che sta trasmettendo una tradizione". Non solo amore per i presepi, ma anche tanto altruismo e sensibilità verso i meno fortunati poiché, la prossima sarà quest’anno, realizza una mostra con le sue opere che poi vende ed il ricavato aiuta persone meno fortunate.

cla. casta.