NOI FERRARESI

Grandinata e granchio blu: due eventi che hanno segnato il 2023. La prima è un chiaro segnale del cambiamento climatico, la seconda una devastazione dell'economia marittima. Per il 2024, servono azioni per ridurre l'inquinamento.

NOI FERRARESI
NOI FERRARESI

Caro Carlino,

il 2023 sta per finire portandosi dietro buone cose e altre molto meno. Prendo due avvenimenti su tutti: la grandinata che ha colpito parte del nostro territorio e il flagello del granchio blu. Il primo è un chiarissimo segnale – se mai ancora ce ne era bisogno – che il clima pazzo è cambiato, che ogni volta che il cielo diventa nero bisogna portare al riparo più cose possibili, oltre alla propria pelle, che l’uomo ha distrutto tutto quanto con le proprie mani e la natura giorno dopo giorno si sta ribellando. La grandinata di luglio è l’esempio più lampante con chicchi grandi come palline da tennis che hanno provocato danni immani a case, auto, aziende. Nel 2024, spero, ognuno di noi possa fare la piccola propria parte per iniziare a ridurre l’inquinamento e il cambiamento climatico. Storia, in parte, legata al clima anche quella del granchio blu che sta devastando larga parte della nostra economia marittima. Un problema che è stato sottovalutato mentre il temibile granchio continuava imperterrito a riprodursi e a mangiare vongole, anguille e tutto il resto che trovava sulla propria strada. Ci siamo chiesti poi le eventuali ripercussioni sul turismo? Ce ne saranno? Agli esperti l’ardua sentenza.

Antonella Fabbri