"Non diamo sempre la colpa al granchio blu"

COMACCHIO Per una vita ha lavorato come tecnico al centro ricerche ittiche della Sivalco, ...

"Non diamo sempre la colpa al granchio blu"
"Non diamo sempre la colpa al granchio blu"

Per una vita ha lavorato come tecnico al centro ricerche ittiche della Sivalco, poi negli anni Novanta è passato ad Arpae. Fernando Gelli, 73 anni, esperto di valli e anguille, anche adesso che è in pensione non resta con le mani in mano. E’ consulente di FedagriPesca Confcooperative proprio per cercare di salvare le valli.

Dal granchio blu?

"Dobbiamo valutare bene quello che sta succedendo. Il killer delle vongole inserito nell’ambiente delle valli potrebbe avere anche una sua funzione"

Ma le anguille?

"Le anguille stanno attraversando una lunga crisi. Basta guardare ai numeri"

Quali numeri?

"Oggi all’anno vengono pescati 20 quintali di anguille, fino a 30 anni fa il volume di lavorazione nelle fabbriche era di 1500 quintali. Fino agli anni ’70, già con i primi segnali di crisi, queste erano le quantità. Non diamo la colpa al granchio per tutto. Un altro esempio, le orate divorano i piccoli dei granchi. Ma le orate non ci sono quasi più, se le mangiano i cormorani. Le valli sono delicatissime, dobbiamo salvaguardarle".