Ospedale, il ’fiore all’occhiello’: "Oggi un polo sanitario eccellente"

Argenta, la puntualizzazione del Pd: "Nel 2019 lo davano per perso, invece è una realtà in crescita"

Ospedale, il ’fiore all’occhiello’: "Oggi un polo sanitario eccellente"
Ospedale, il ’fiore all’occhiello’: "Oggi un polo sanitario eccellente"

ARGENTA

Non solo i conti in sofferenza di Soelia, la battaglia elettorale delle prossime amministrative si gioca anche sul tavolo dell’ospedale Mazzolani-Vandini. Ieri in occasione del mercato settimanale, nel banchetto allestito in piazza, il Pd ha esposto un manifesto che contiene un intervento nel quale si prospetta il rilancio della struttura sanitaria. "Nel 2019 venivano cavalcate le voci che il Mazzolani-Vandini sarebbe stato chiuso da lì a poco. Oggi, affrontata la pandemia, l’ospedale è stato completamente rivoluzionato, diventando un polo sanitario rilevante e attraente nella geografia regionale e nazionale". Un percorso animato dall’arrivo dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, una specialistica che è il punto di riferimento nazionale, ma anche della medicina generale, dal pronto soccorso, da tutti i reparti che possono contare su un rafforzato sistema di professionisti sanitari, servizi ospedalieri e nuove dotazioni tecnologiche. L’ospedale è stato capace di attrarre grossi investimenti targati Pnrr: un progetto complessivo da 13 milioni di euro. I lavori cominceranno tra pochi mesi e si concluderanno al 31 dicembre 2026, quando il Mazzolani-Vandini avrà una faccia diversa grazie a 1,1 milioni di euro per i lavori di adeguamento e riqualificazione del pronto soccorso e 12 milioni circa per la realizzazione di un nuovo padiglione e di nuove dotazioni che lo renderanno più sicuro, funzionale ed ecocompatibile. Soldi che permetteranno anche l’acquisto di una nuova risonanza magnetica (una piattaforma per ecografie realizzate con ultrasuoni). Sarà inoltra ammodernata la strumentazione, in linea con le innovazioni tecnologiche e digitali delle dotazioni sanitarie. Importanti investimenti anche per potenziare la terapia intensiva del Rizzoli, per la quale sono già state acquisite nuove attrezzature per 413 mila euro e altre saranno acquistate per 164 mila euro. I lavori sono già in corso nell’attuale Pronto Soccorso, hanno l’obiettivo del rifacimento dei percorsi interni e di tutti gli spazi, oltre che l’ammodernamento dell’impiantistica. Una riqualificazione che interviene radicalmente sullo spazio come lo conosciamo oggi, considerando il successivo trasferimento del Pronto Soccorso e di Radiologia nel nuovo padiglione. Questi spazi poi saranno destinati all’ampliamento dei servizi ambulatoriali. Gli interventi strutturali si accompagneranno al rafforzamento delle dotazioni tecnologiche.

Franco Vanini